Volvo FH LNG

Le 1000 mission del nuovo Volkswagen Crafter

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione VEICOLI > Ruote commerciali > Nissan e Daimler ancora insieme per un pick-up

Ruote commerciali

Nissan e Daimler ancora insieme per un pick-up

Scritto da

Francesca Lugaresi

il 7 aprile 2015

L’Alleanza Renault-Nissan e Daimler AG hanno deciso di estendere la quinquennale cooperazione strategica già in essere anche al segmento dei pick-up.

Nissan e Daimler svilupperanno insieme un pick-up da una tonnellata per Mercedes-Benz, che ha recentemente annunciato l’ingresso nel segmento. Basato in parte sull’architettura di Nissan NP300, il nuovo veicolo sarà progettato e ingegnerizzato da Daimler per conformarsi alle esigenze specifiche della clientela Mercedes-Benz, dal punto di vista delle caratteristiche e delle dotazioni.

Il pick-up avrà doppia cabina e sarà rivolto a clienti privati e professionali di Europa, Australia, Sudafrica ed America Latina.

“Mercedes-Benz sta vivendo una crescita senza eguali a livello globale”, ha commentato Dieter Zetsche, Presidente di Daimler e Responsabile Mercedes-Benz Cars. E aggiunge: “Cavalcare il successo del segmento dei pick-up medi è fondamentale per proseguire in questo ambizioso cammino e, grazie alla solida partnership con l’Alleanza Renault-Nissan, contiamo di ridurre i tempi ed i costi richiesti per riuscire nell’impresa”.

Nissan è il secondo produttore al mondo di pick-up da una tonnellata, che realizza e vende dal lontano 1933: in oltre 80 anni di storia, circa 14 milioni di  pick up Nissan da una tonnellata hanno trasportato carichi e passeggeri anche nelle condizioni più avverse. Il veicolo NP300, commercializzato, a seconda del mercato, con il nome NP300 Navara e NP300 Frontier, è stato lanciato a Giugno 2014 ed è attualmente assemblato in Thailandia e Messico.

Nissan e Renault stanno già sviluppando un pick-up di una tonnellata a marchio Renault che, come il futuro Mercedes-Benz, condivide alcuni elementi strutturali di Nissan NP300, pur rispettando i canoni estetici del marchio francese. L’autocarro è il primo di questa portata per Renault e sarà lanciato nel 2016. La produzione del pick-up di una tonnellata a marchio Renault inizierà nel 2016 nella fabbrica Nissan di Cuernavaca in Messico. Il pick-up di una tonnellata rappresenta il secondo veicolo Renault nel segmento dei pick-up, dopo l’introduzione di un modello da mezza tonnellata, prevista nel corso di quest’anno.

Il pick-up di una tonnellata a marchio Mercedes-Benz sarà assemblato da Nissan nell’impianto Renault di Cordoba in Argentina, insieme al Nissan NP300 ed al veicolo a marchio Renault destinato all’America Latina. I tre veicoli usciranno anche dalle linee di Barcellona, in Spagna, per gli altri mercati (ad eccezione del Nord America). La produzione presso i due stabilimenti sarà avviata entro il 2020.

L’impianto di Barcellona produrrà circa 120.000 veicoli all’anno per i tre partner, mentre dalla fabbrica di Cordoba annualmente ne usciranno 70.000. È prevista la forte localizzazione dei componenti per ampliare considerevolmente l’indotto spagnolo e argentino.

“La collaborazione di Daimler consentirà all’Alleanza non solo di ripartire i costi d’investimento che gravano su Cordoba, ma anche di esplorare nuovi mercati nella regione dell’America Latina”, ha dichiarato Carlos Ghosn, Presidente e CEO di Renault-Nissan. “Inoltre, il progetto consentirà di ottimizzare la capacità produttiva a Barcellona e renderci ancora più competitivi nel segmento.”

Questa iniziativa rappresenta la più recente pietra miliare della partnership strategica con Daimler che a breve, il 10 aprile, festeggerà il 5° anniversario. Partita da tre progetti focalizzati sull’Europa, la collaborazione si è più che quadruplicata nel tempo, raggiungendo un portafoglio di ben 13 progetti distribuiti fra Europa, Asia e le Americhe.

“Dopo questi cinque anni di cooperazione con l’Alleanza Renault-Nissan, non posso che essere soddisfatto”, ha dichiarto Zetsche. “I piani che abbiamo elaborato e concretizzato si sono rivelati vantaggiosi per i nostri marchi.”
“Questa cooperazione è tra le più produttive nel settore automobilistico e consente a noi partner di incrementare le economie di scala mantenendo comunque ben distinti i nostri brand e prodotti”, conclude Ghosn.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Scopri il nuovo TGE. Non è un VAN, è un MAN.

1,420
prezzo medio gasolio

Workshop Temperatura Controllata