web-tv

Sei qui: Home > Sezione VEICOLI > > Gruppo Renault, arriva l’idrogeno nella gamma dei veicoli commerciali

Ruote ecologiche

Gruppo Renault, arriva l’idrogeno nella gamma dei veicoli commerciali

Scritto da

Federica Lugaresi

il 22 Ottobre 2019

Il Gruppo Renault completa la sua offerta introducendo Renault KANGOO Z.E. Hydrogen a fine 2019 e Renault MASTER Z.E. Hydrogen nel 2020

Renault estende l’utilizzo dei propri veicoli commerciali elettrici grazie all’idrogeno. La tecnologia a idrogeno del Gruppo Renault, sottoposta a test dal 2014, è stata sviluppata in partnership con Symbio, filiale del Gruppo Michelin. I veicoli sono dotati di pila a combustibile (fuel cell) che incrementa l’autonomia e garantisce una potenza elettrica e termica pari a 10 kW, consentendo di portare l’autonomia di Renault MASTER Z.E. Hydrogen e Renault KANGOO Z.E. Hydrogen a più di 350 km. Un altro vantaggio dell’idrogeno è il tempo di ricarica: bastano 5–10 minuti. L’idrogeno consente di rispondere alle esigenze di utilizzi intensivi che non sono coperti dai veicoli elettrici, in particolare per le grandi distanze fino alle zone periurbane.


Renault MASTER Z.E Hydrogen, il cui lancio è atteso per il primo semestre del 2020, triplicherà il suo livello di autonomia, passando da 120 a 350* Km, e si declinerà in furgone (2 versioni) e telaio (2 versioni). Dotato di due serbatoi di idrogeno situati sotto la scocca, il veicolo incrementerà la sua versatilità senza ridurre il volume di carico che va da 10,8 m3 a 20 m3, con un ragionevole aumento di peso di 200 kg.


Da fine 2019, Renault KANGOO Z.E. Hydrogen proporrà la migliore autonomia reale tra le furgonette elettriche: 370* km (230 km WLTP con Kangoo Z.E.). La vendita di questo veicolo, dotato di un volume di carico di 3,9 m3, nonostante l’incremento di peso pari a 110 kg, è prevista in Francia ad un prezzo di € 48.300 + IVA (compreso l’acquisto della batteria, esclusi gli incentivi pubblici).


I veicoli elettrici a idrogeno funzionano tramite una pila a combustibile (fuel cell) che abbina l’idrogeno contenuto nei serbatoi con l’ossigeno dell’aria per produrre elettricità (destinata ad alimentare il motore elettrico). Primo vantaggio: questi veicoli rispondono alle nuove sfide ambientali della mobilità urbana. Offrono, peraltro, una maggiore autonomia, la velocità della ricarica a idrogeno e facilità di manutenzione. Questi vantaggi rendono i veicoli commerciali elettrici ad idrogeno particolarmente adatti alle esigenze e agli utilizzi intensivi degli operatori professionali nei grandi agglomerati urbani e anche nelle periferie cittadine: trasporto e logistica, servizi comunali ed enti locali, corrieri


Condividi questo articolo

1,463
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto