web-tv

Sei qui: Home > Sezione VEICOLI > > 11 Actros alla volta della Siria

11 Actros alla volta della Siria

Scritto da

Francesca Lugaresi

il 24 Settembre 2013

Dall’area fieristica dello IAA di Francoforte è partito un convoglio umanitario con aiuti per i rifugiati siriani diretto a Gaziantep (Turchia meridionale). Qui, in prossimità del confine con la Siria, sorge il centro per la distribuzione di beni di prima necessità ai campi profughi. Il “Convoy of Hope – Wings on Wheels”, formato da undici autoarticolati Mercedes-Benz Actros, trasporterà aiuti per il valore di circa 4 milioni di Euro fino alla zona di confine tra Turchia e Siria lungo un percorso che si snoda per quasi 4.000 km.


Il progetto dell’associazione umanitaria “Luftfahrt ohne Grenzen e.V.” (LOG) e di Daimler Trucks consegnerà ai profughi siriani 10.000 coperte, capi di abbigliamento invernali per 40.000 persone, 50.000 vaccini per bambini, tende, cibo per i più piccoli, sedie a rotelle, 2 ambulanze e 7 stazioni mobili di assistenza medica.


Daimler AG e LOG hanno deciso di far partire il convoglio in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dei Bambini. La carovana sarà accompagnata da due Mercedes-Benz Viano Marco Polo.


Milioni di persone sono vittime dei sanguinosi combattimenti in Siria e necessitano di aiuto immediato. Il conflitto prosegue da oltre due anni, e sono proprio i bambini a pagare il prezzo più alto. Il 70% dei rifugiati siriani, infatti, è composto da donne e bambini.


“La situazione dei profughi, e dei più piccoli in particolare, all’interno dei campi è drammatica. Nelle zone di crisi manca tutto: tende, coperte, vaccini. Sosteniamo l’impegno di “Luftfahrt ohne Grenzen e.V.” nel trasporto di beni di prima necessità mettendo a disposizione undici truck Mercedes-Benz Actros. Così, insieme a LOG, riusciremo ad alleviare almeno in parte la sofferenza, dando a queste persone speranze per il futuro”, ha dichiarato Wolfgang Bernhard, Membro del Board of Management di Daimler AG e Responsabile di Daimler Trucks e Daimler Buses.


Nel frattempo, nei campi sono nati circa 3.500 bambini (dati aggiornati a luglio 2013). Qui mancano beni di prima necessità quali cibo, acqua, farmaci e ricoveri. Il “Convoy of Hope” fornirà ai campi alimenti per un valore di 800.000 Euro, offerti da aziende tedesche e sufficienti per sfamare 100.000 piccoli rifugiati. 50.000 bambini saranno vaccinati, in particolare contro il morbillo.


Condividi questo articolo

Il viaggio continua dal 21 al 24 feb 2019

1,452
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto