Volvo FH LNG

Le 1000 mission del nuovo Volkswagen Crafter

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Ultim'ora > Pronte a ripartire le esportazioni italiane

Ultim'ora

Pronte a ripartire le esportazioni italiane

Scritto da

Luca Barassi

il 25 settembre 2009

Le esportazioni italiane, da sempre locomotiva dell’economia del Belpaese, sembrano pronte a ripartire. O almeno è questo che lasciano presagire i dati diffusi oggi dall’Istat: l’export a luglio ha registrato una timida inversione di tendenza su base mensile, guadagnando il 3,1% (+1,7% se si prendono in considerazione solo i mercati della zona Ue), mentre le importazioni sono calate del 2,8%. Il saldo della bilancia commerciale è stato, dunque, positivo per 4.107 milioni di euro, il risultato migliore da luglio 1998, quando era pari a 5.754 milioni. Un «rimbalzino» salutato con sollievo e ottimismo dal viceministro allo Sviluppo economico, con delega al Commercio estero, Adolfo Urso: «I dati Istat – spiega – dicono che si sta invertendo la tendenza e che il peggio è alle spalle».

I DATI . Certo è che, confrontati con lo stesso mese di un anno fa, i dati di luglio soffrono ancora l’influsso, pesante, della crisi: su base annua le esportazioni sono diminuite del 20,6% (-23,1% se si considera solo la zona Ue), mentre le importazioni sono crollate del 27,6% (-20,6% dai Paesi Ue). Ancora forte, anche se in rallentamento, il calo delle esportazioni degli autoveicoli: -35,4% su base annua, che diventa addirittura -37,9% se si considerano solo i mercati europei. A luglio le esportazioni hanno mostrato andamenti tendenziali negativi per la maggior parte dei settori di attività economica, esclusi articoli farmaceutici e medicali (+4,6%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+0,3%). Peggio di tutti è andata al comparto “coke e prodotti petroliferi raffinati”, le cui esportazioni sono crollate del 36,8% rispetto a un anno fa. Nei primi sette mesi dell’anno, spiega inoltre l’Istat, le esportazioni complessive hanno segnato una flessione del 23,6% rispetto allo stesso periodo del 2008, registrando un saldo negativo per 57 milioni, comunque in miglioramento rispetto al passivo di 5.152 milioni del periodo gennaio-luglio 2008.

BENE I MERCATI EMERGENTI. «Il peggio è alle spalle ma dobbiamo incardinare la ripresa, accompagnare le imprese sulla strada dell’internazionalizzazione – ha spiegato Urso – è evidente che l’Europa purtroppo resta indietro, quindi fanno bene le nostre aziende a cercare nuovi mercati integrativi che crescono più velocemente». Una lettura dei dati condivisa da Assocamerestero. Il rimbalzo delle esportazioni è dovuto all’effetto traino dei Paesi extraeuropei, verso i quali l’Italia è divenuto secondo esportatore dopo la Germania, con una quota di mercato dell’11,2%, superiore anche a quella della Francia. «Le nostre imprese – spiega il segretario generale di Assocamerestero, Gaetano Fausto Esposito – hanno attuato un riposizionamento qualitativo del prodotto italiano nel mondo e tengono soprattutto su mercati strategici come Cina, India e Stati Uniti». Per il Cerm, infine, i dati sottolineano il «buon posizionamento delle imprese italiane sui mercati internazionali: le imprese italiane migliori, quelle più attive sui mercati internazionali, sono pronte per agganciare il treno della ripresa mondiale».

Da Shippingonline

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Acitoinox, acciaio per il tuo camion

1,420
prezzo medio gasolio

Workshop Temperatura Controllata