web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > > La storia di Geotrans, azienda di trasporti confiscata alla mafia

Autotrasporto

La storia di Geotrans, azienda di trasporti confiscata alla mafia

Scritto da

Redazione

il 22 Novembre 2020

“La legalità viaggia con le aziende confiscate”

È questa la scritta che campeggia sui mezzi dell’azienda di trasporti catanese Geotrans, sottratta alla mafia nel 2014 e oggi virtuoso esempio di impresa sana e vitale.

“La legalità viaggia con le aziende confiscate”

È questa la scritta che campeggia sui mezzi dell’azienda di trasporti catanese Geotrans, sottratta alla mafia nel 2014 e oggi virtuoso esempio di impresa sana e vitale. Un traguardo raggiunto grazie al coraggio di chi, come Luciano Modica, indossando i panni di amministratore giudiziario, poi amministratore unico e oggi presidente del consiglio di amministrazione dell’attuale forma societaria cooperativa, ha lottato contro la chiusura che inizialmente pareva inevitabile. Ma anche grazie alla lungimiranza dell’allora presidente CNA Fita, Cinzia Franchini, che ha visto prima di altri le metastasi mafiose anche all’interno delle associazioni di rappresentanza; e grazie, soprattutto, alla scommessa di una grossa realtà imprenditoriale cooperativa – Coop Alleanza 3.0 – che ha teso la mano a un’impresa appena liberata dai tentacoli della criminalità organizzata affidandole una grossa fetta di lavoro, tanto da diventarne la principale cliente.

Questa storia a lieto fine è raccontata nelle pagine di un volume in uscita in questi giorni per le Edizioni Pendragon: Giuseppe Leonelli. Si può fare Geotrans, storia di un’azienda confiscata alla mafia € 12,00, pp. 137, isbn 978-88-3364-264-2

Attraverso l’accurata ricostruzione dei fatti, dalla primavera del 2014 ad oggi, una serie di interviste ai protagonisti di questa vicenda e un’analisi a più largo respiro dedicata all’economia siciliana e all’economia di mafia, il libro offre un coinvolgente racconto di coraggio e di riscatto sociale. Ma anche uno spaccato di quella piaga che ha fatto dell’Italia un Paese meno libero e meno sovrano.

L’autore: Giuseppe Leonelli è nato a Pavullo nel 1980 e vive alle porte di Modena. Giornalista professionista, ha lavorato alla «Gazzetta di Modena» e al «Resto del Carlino» nelle redazioni di Modena e Rimini. È stato vicedirettore all’«Informazione» di Modena e direttore per quattro anni del quotidiano «Prima Pagina» di Modena e Reggio Emilia. Da anni si occupa della realtà politica ed economica emiliano-romagnola, approfondendo tematiche legate da un lato al radicamento della criminalità organizzata nel territorio emiliano, dall’altro alle contraddizioni del mondo dell’antimafia. È direttore dei quotidiani online «La Pressa» e «L’Occidentale».

Condividi questo articolo

Citroën Gamma PRO: sa fare tutto, proprio come te

1,463
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto