web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > > A19 Palermo-Catania chiusa tra Enna e Ponte Cinque Archi

Infrastrutture

A19 Palermo-Catania chiusa tra Enna e Ponte Cinque Archi

Scritto da

A. Trapani

il 15 Giugno 2018

La limitazione in vigore da mercoledì 20 giugno sarà necessaria per consentire l’esecuzione di un intervento di ripristino localizzato sul viadotto Morello, già sottoposto a doppio senso di circolazione in direzione Palermo, itinerario alternativo segnalato in loco, con differenze tra veicoli leggeri e mezzi pesanti.

Nell’ambito dei lavori di manutenzione del viadotto Morello, è necessario effettuare l’esecuzione di un intervento di ripristino localizzato su una soletta della carreggiata del viadotto già sottoposta a doppio senso di circolazione per via dei lavori in corso sulla carreggiata opposta.


L’intervento avrà inizio alle ore 18 di mercoledì 20 giugno.


Come già avvenuto nel mese di aprile per un intervento analogo, sarà possibile tenere aperta la corsia in direzione Catania, dal momento che sarà interessata dalle lavorazioni la sola corsia attualmente utilizzata per i veicoli diretti verso Palermo.


Per tutta la durata dell’intervento di manutenzione, che avrà termine entro mercoledì 27 giugno, i mezzi pesanti diretti a Palermo potranno percorrere l’itinerario alternativo segnalato in loco con uscita obbligatoria allo svincolo di Enna (km 119,500), percorrenza della strada statale 117bis “Centrale Sicula”, immissione sulla strada statale 121 “Catanese” in direzione Villarosa fino al km 126,000 ed immissione in autostrada allo svincolo di Ponte Cinque Archi.


I veicoli leggeri diretti a Palermo potranno proseguire in autostrada fino al km 112,500, con uscita obbligatoria presso l’area di svincolo “Ferrarelle”, percorrenza della strada statale 121 “Catanese” in direzione Villarosa fino al km 126,000 ed immissione in autostrada allo svincolo di Ponte Cinque Archi.


Condividi questo articolo

L’edizione limitata per i 50 anni del V8 Scania

1,290
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto