Domenica, 19 Novembre 2017

BT SHOW - PT 2 - INARRESTABILI E TRASPORTARE OGGI

Il nuovo DAF LF

web-tv

Sei qui: Home > Blog > Manuale per scegliere una Banca

Blog

Manuale per scegliere una Banca

Scritto da

Patrizio Comi

il 11 marzo 2016

L’8 marzo era la festa delle donne e, ringraziando il cielo colui che le ha messe al nostro fianco, dovremmo ancora una volta imparare da loro su come scegliere la propria banca. Direte: “ma sei fuori”? Bene. Fatevi questa domanda: Come e cosa fanno le ragazze quando conoscono un ragazzo in discoteca? Prima di uscirci, fanno una serie di valutazioni. “Perché il sabato sera gli uomini sembrano tutti belli, simpatici e a volte pure intelligenti, e il lunedì mattina si trasformano inesorabilmente in una sottospecie di rospi? Magari ci ha già dato il numero di telefono e non abbiamo mai smesso di scriverle messaggini!" Prima di scegliere una banca alla quale affidare i risparmi di una vita, sarebbe opportuno fare le stesse valutazioni. A primo impatto, la sede può essere bella, i consulenti possono essere simpatici… ma siete sicuri che tutto questo vi basterà? Sui ragazzi in discoteca l’analisi che fanno le donne,  è semplice: ti convocano  un lunedì pomeriggio e ti analizzano  senza l’aiuto di alcol, luci e musica. Se dopo otto ore di lavoro, Le  sembriamo ancora il principe azzurro allora possono procedere con lo step successivo: dartela, un’opportunità. Per le banche procedere con la stessa premura. Ma con l’aiuto di qualche piccolo accorgimento matematico. Per sapere se la vostra banca è solida o se rischiate di finire intervistati da Bruno Vespa o peggio ancora da Barbara D’Urso per aver perso tutti i risparmi, basta guardare qualche semplice indicatore messo a disposizione dalla Banca D’Italia. Questo indicatore di chiama CET 1, Common Equity Tier 1, si tratta del parametro che misura la solidità di una banca. Il Cet1 si ottiene mettendo in rapporto capitale a disposizione della banca e le sue attività ponderate per il rischio. Più il valore è alto, più la banca è solida. C’è una soglia minima che questo valore dovrebbe avere, secondo le regole dettate dalla Banca d’Italia: il valore deve essere superiore a 10,5%. Inoltre la Banca Centrale Europea ha messo a disposizione un ulteriore parametro per scegliere bene il vostro istituto di credito: ricreando uno scenario economico drammatico, ha effettuato una valutazione sulle banche italiane, lo stress test.  Ha diviso le banche in quattro fasce: quelle situate nella 4° fascia, sono in zona retrocessione… come il Verona, il Carpi e il Frosinone…. (la mia Atalanta è in 3° fascia….sigh, N.d.r.) Per quanto riguarda lo stress test  che le donne fanno  ad un uomo prima di sceglierlo come fidanzato, è identico a quello della Bce:  se  urlandovi contro dicendovi che vuole sposarvi ed avere 3 figli, voi non morite folgorato all’istante, siete  quello giusto!

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

1,366
prezzo medio gasolio

Convegno 28 novembre 2017