web-tv

Sei qui: Home > Sezione ASSOCIAZIONI > > “Tragedia sulla A1: ennesimo infortunio mortale sul lavoro. Accendere i riflettori sul trasporto delle merci pericolose in Italia”

Dichiarazioni

“Tragedia sulla A1: ennesimo infortunio mortale sul lavoro. Accendere i riflettori sul trasporto delle merci pericolose in Italia”

Scritto da

A. Trapani

il 17 Ottobre 2020

“La tragedia consumatasi ieri sull’autostrada A1, in seguito ad uno scontro tra due autocarri, deve accendere i riflettori sulle modalità e sulla sicurezza del trasporto delle merci pericolose nel nostro Paese. Innanzitutto ci uniamo al lutto per la morte di un collega che ha perso la vita in un incidente che è da considerarsi prima di tutto un infortunio sul lavoro. Troppo spesso, infatti, non vengono considerati i rischi ai quali ogni giorno gli autotrasportatori si sottopongono garantendo un servizio essenziale per cittadini e imprese”. Così in una nota Cinzia Franchini, portavoce di Ruote Libere, raggruppamento di imprenditori dell’autotrasporto e anche consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose su strada.

“Il caso specifico inoltre mette tragicamente in luce, ancora una volta come un incidente che coinvolge un mezzo che trasporta merci pericolose abbia effetti esponenzialmente più estesi rispetto agli altri sinistri. Solo il caso, oggi pomeriggio, ha infatti evitato l’esplosione della cisterna di carburante trasportata da uno dei due camion, una esplosione che avrebbe prodotto effetti simili a quella tragica dell’agosto 2018 sul Raccordo di Bologna – continua Cinzia Franchini -. Ecco perché sarebbe fondamentale il meticoloso rispetto da parte di tutte le aziende di autotrasporto della normativa sul trasporto ADR. Sull’incidente di oggi in A1 ovviamente non entriamo e restiamo in attesa dei risultati delle indagini delle forze dell’ordine, ma ricordo, a quando ci è dato sapere, che ad oggi i controlli da parte delle Motorizzazioni sulla corretta applicazione della normativa per trasporto merci pericolose sono praticamente nulli. La legge in vigore da oltre 20 anni è stringente e prevede sanzioni elevate, ma se non vi sono verifiche rischia di restare lettera morta. Ancora una volta dunque lanciamo un appello affinché vengano fatte applicare le norme. Ne va della sicurezza di tutti gli utenti della strada”.

Condividi questo articolo

Citroën Gamma PRO: sa fare tutto, proprio come te

1,463
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto