web-tv

Sei qui: Home > Sezione VEICOLI > > S come SuperScania

Ruote Industriali

S come SuperScania

Scritto da

Luca Barassi

il 30 Agosto 2016

Galleria Fotografica

Scania sceglie il Sustainable Transportation Forum per lanciare la nuova generazione di veicoli. La Serie S gamma di punta del Grifone con una cabina studiata su misura per le esigenze degli autisti

Finalmente è arrivata. Tanto attesa, tanto immaginata e tanto sognata, la nuova cabina del Grifone è stata svelata in quel di Parigi. Un contesto, quello del Sustainable Transportation Forum, assolutamente non casuale, dato che molti degli elementi del nuovo progetto sono stati studiati in un ottica di sostenibilità ambientale ed economica.


È certamente il più grande investimento che Scania abbia effettuato nei suoi 125 anni di storia“, dichiara Henrik Henriksson, Presidente e CEO di Scania. “È con grande orgoglio che i miei colleghi e io presentiamo i prodotti e i servizi che porteranno Scania a nuovi livelli in termini di quote di mercato e ci accompagneranno lontano nel prossimo decennio“.


Così è stato presentato lo sforzo fatto dal costruttore svedese da parte del suo vertice. Da oggi, infatti, la serie R sarà sostituita con la nuova cabina e, in più, è stata introdotta la inedita Serie S, un top di gamma che, tra le altre cose prevede il pavimento piatto e molto più spazio a bordo.


Quattro i capisaldi in base ai quali è stato dato il via al nuovo progetto: ambiente del conducente, risparmio di carburante, uso ottimale degli spazi interni, sicurezza e massima affidabilità. L’effetto che ne deriva è un impatto assolutamente nuovo ma che, allo stesso tempo, lascia inalterato il carattere del Grifone rendendo questi veicoli immediatamente identificabili.

Dalle prime immagini (vedremo e proveremo dal vivo la gamma per voi in Svezia i prossimi 7 e 8 settembre, n.d.r.) si nota subito la grande attenzione data agli aspetti aerodinamici. Ogni superficie, sia frontale che laterale e persino la parte inferiore del veicolo, è stata ottimizzata in modo da ridurre al minimo la resistenza aerodinamica. Anche componenti quali ad esempio i tergicristalli, gli specchi retrovisori e tutte le luci, sono stati progettati sulla base di questo obiettivo. Tutti gli equipaggiamenti, come deflettori aria e protezioni laterali, sono stati accuratamente integrati nel design complessivo e studiati con la massima attenzione durante la fase di sviluppo.


Ecco le principali caratteristiche esterne ed interne della nuova cabina:


Struttura delle cabine in acciaio ad alta resistenza. I vari elementi strutturali sono stati realizzati mediante compressione o laminazione e quindi assemblati utilizzando diverse tecniche di saldatura, saldatura a laser o tecniche adesive hi-tech, che consentono di creare una struttura portante monoscocca particolarmente robusta.


In tutte le nuove cabine, la posizione del conducente è stata avvicinata di 65 mm al parabrezza e spostata lateralmente di 20 mm rispetto alle cabine attuali.


La forma e il design degli specchi anteriori e retrovisori sono stati rielaborati in modo da garantire un campo visivo più ampio e un’aerodinamicità superiore. Le cabine sono predisposte per l’installazione opzionale di telecamere in aggiunta o in sostituzione degli specchi.


Airbag laterali a tendina integrati nel tetto, una tecnica mai utilizzata prima nei veicoli pesanti.


La gamma di opzioni di regolazione del sedile del conducente è adesso ancora più ampia e permette a tutti i conducenti di altezza compresa tra 150 e 200 cm di trovare una posizione di guida estremamente confortevole.


Nelle cabine di maggiori dimensioni, lo spazio laterale esterno ha un’apertura di 410 x 570 mm ed è raggiungibile anche dall’interno della cabina.


Nelle nuove cabine anche il cruscotto è modulare, in modo da facilitarne la personalizzazione sulla base delle esigenze dei clienti in termini di design ergonomico, pulsanti, controlli e vani portaoggetti con diversi livelli di prestazioni.


 


Serie S vera ammiraglia

Al vertice della gamma si trova, naturalmente, la nuova cabina S che, con il suo pavimento completamente piatto e l’eccezionale spazio interno, rappresenta la scelta ideale per i clienti che desiderano il massimo in termini di comfort, prestigio e comodità di utilizzo.

È innegabile che la nostra nuova cabina S surclassi tutto ciò che abbiamo realizzato in passato in termini di comfort, vani di contenimento, spaziosità, ergonomia e visibilità. Un ingresso ergonomico e agevolato da quattro gradini conduce a un luogo di lavoro che siamo certi conquisterà tutti i conducenti che lo guideranno“, dichiara Kristofer Hansén, Head Designer di Scania.


Oltre che per il pavimento piatto, visibile ovviamente solo all’interno, la nuova serie si distingue anche per un diverso design della calandra e dei fari, restano in linea col nuovo standard che Södertälje ha voluto dare alla generazione appena nata.


 


Motori in continua evoluzione

Alla ampia gamma di motorizzazioni Euro 6, si aggiunge ora anche il nuovo 13 litri da 500 cavalli. Tutti e quattro i motori Scania da 13 litri eseguono ora il post-trattamento dei gas di scarico solo con SCR.

Una offerta subito disponibile con cilindrate da 13 e 16 litri e potenze che variano da 370 a 720 cavalli. Ma a queste, nei prossimi mesi, seguiranno nuove configurazioni per garantire il giusto prodotto per la specifica mission, come è nella filosofia Scania.


L’aumento della capacità di raffreddamento garantito dalle nuove cabine offre l’opportunità di un ulteriore risparmio medio di carburante pari al 3%, che avrà naturalmente un impatto positivo sulla redditività dei clienti Scania. Scania sta, inoltre, introducendo non solo la nuova versione da 500 CV del suo motore da 13 litri ma anche una nuova funzione che consente a Scania Opticruise di cambiare più rapidamente e assicurare una trasmissione della coppia quasi costante.

Un’altra grande novità è l’introduzione del sistema di frenata dell’albero secondario di serie nei cambi Scania Opticruise automatici. Anziché utilizzare gli anelli per sincronizzare nel cambio le varie velocità del contralbero e dell’albero primario durante i cambi di marcia, come nella maggior parte delle trasmissioni convenzionali, per scalare verso una marcia più alta Scania si avvale del freno dell’albero secondario. Questo è reso possibile dall’approccio di Scania basato su catene cinematiche completamente integrate e significa non solo che gli alberi si sincronizzano reciprocamente in modo molto più rapido, ma anche che il pignone successivo, ovvero la marcia seguente, si innesca quasi immediatamente.


 


La produzione dei nuovi veicoli inizierà immediatamente nello stabilimento Scania di assemblaggio finale di Södertälje. Inizialmente, le attività saranno concentrate sui veicoli e sui servizi per il trasporto a lungo raggio, ma è prevista la graduale introduzione di ulteriori opzioni non appena queste saranno completate e le fabbriche Scania saranno pronte.


Condividi questo articolo

Accessori in acciaio inox per il tuo truck.

1,485
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto