9 March 2018, the preview of the new Global Research & Technology Centre

Volvo FH LNG

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione VEICOLI > Ruote Industriali > Renault Trucks e il mezzo perfetto

Ruote Industriali

Renault Trucks e il mezzo perfetto

Scritto da

Federica Lugaresi

il 20 marzo 2017

BML, impresa di costruzioni specializzata nel calcestruzzo “pronto per l’uso” con sede nella regione Auvergne-Rhône-Alpes, ha ricevuto le chiavi del veicolo Renault Trucks C8x4 Tridem, veicolo da cantiere, estremamente maneggevole, soprattutto per applicazioni in ambiente urbano.

Si tratta di un veicolo da cantiere, estremamente maneggevole, soprattutto per applicazioni in ambiente urbano. Un veicolo progettato per il settore Costruzioni, destinato ad operare presso cantieri in aree cittadine.

Il Renault Truck C8x4 Tridem presenta un interasse corto da 3.200 mm ed un quarto asse sterzante che riduce il raggio di sterzata di 900 mm, pari al 10% in più rispetto ad una motrice 8×4, migliorando nettamente la manovrabilità del mezzo.

La flotta di 200 camion dell’impresa BML è essenzialmente composta da veicoli Renault Trucks: “Siamo fedeli al costruttore da molti anni e siamo sensibili alla qualità dei mezzi proposti ed al comfort offerto dalle nuove cabine. La prossimità della rete e la qualità del servizio post-vendita sono criteri importanti nella selezione del nostro partner”, precisa Philippe Ville, direttore di BML. “Essendo anche presenti nella regione lionese, affidarci a Renault Trucks ci sembra una scelta logica.”

Per Renault Trucks, è essenziale proporre ai propri clienti le soluzioni di trasporto più adatte alle esigenze specifiche della loro attività. Il mezzo perfetto, insomma.  Il Renault Trucks C8x4 Tridem soddisfa pienamente le esigenze del settore del calcestruzzo, grazie soprattutto alla betoniera da 9 m3: “Le sospensioni pneumatiche di questo mezzo forniscono ai nostri conducenti un vero comfort di lavoro e permettono di sollevare automaticamente e facilmente il veicolo in modo da agganciare la botte del calcestruzzo”, spiega Philippe Ville. A vuoto, l’asse sterzante posteriore consente di risparmiare carburante e ridurre l’usura degli pneumatici. A carico, migliora significativamente l’aderenza del veicolo.

 

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Acitoinox, acciaio per il tuo camion

1,420
prezzo medio gasolio

corsi di formazione