web-tv

Sei qui: Home > Sezione TOE AfterMarket > > L’aftermarket del futuro è siglato ZF Aftermarket

L’aftermarket del futuro è siglato ZF Aftermarket

Scritto da

Valeria Di Rosa

il 13 Settembre 2021

ZF Aftermarket presenta servizi basati sui dati per sistemi di trasporto autonomi, anticipando le sfide del settore e preparando i suoi partner ad adattarsi ai cambiamenti sin dalla prima fase

Lunedì 13 settembre, in occasione della presentazione di ZF Aftermarket Live, la piattaforma di ZF che sarà online parallelamente ad Automechanika Digital Plus, ZF Aftermarket ha presentato l’Aftermarket di nuova generazione. L’azienda, consapevole che il futuro della mobilità sta già attraversando profondi cambiamenti, che possono essere racchiusi nell’acronimo «CASES»: Connected (Connesso), Autonomous (Autonomo), Shared (Condiviso), Electric (Elettrico) e Sustainable (Sostenibile), ha presentato nuove tecnologie che saranno in grado di rivoluzionare il futuro dell’aftermarket. Come ha sottolineato Philippe Colpron, Responsabile della Divisione Aftermarket di ZF: «Queste tecnologie hanno il potere di rivoluzionare tutta la nostra industria perché offrono una valida alternativa all’attuale scenario incentrato sui veicoli, conservando le risorse e riducendo le emissioni». Questa mobilità di nuova generazione è già una realtà, in parte grazie ai prodotti e alle soluzioni ZF.


Guida autonoma – Il futuro è già iniziato con i sistemi di trasporto autonomi ZF


I sistemi di trasporto autonomi (ATS) di ZF sono in uso dal 1997 – i cosiddetti ‘people movers’ hanno trasportato fino ad oggi più di 14 milioni di passeggeri. Grazie al loro equipaggiamento completo, che include sensori, sistemi di assistenza alla guida e trazioni elettriche, unitamente alla capacità di connessione permanente in grado di operare con i costruttori e le infrastrutture, questi veicoli potrebbero fungere da modello per tutte le future autovetture, furgoni e veicoli commerciali.

La complessità di questi veicoli fa sì che i loro operatori non possano più contare semplicemente su un supporto classico di manutenzione e riparazione da parte delle autofficine, poiché richiedono anche un supporto digitale completo per tutto il ciclo di vita. Tra le altre cose, sono compresi servizi come il controllo intelligente della flotta, la manutenzione predittiva e aggiornamenti digitali. In questo modo, il business delle officine del passato sta evolvendo verso il «Next Generation Aftermarket». Questa nuova realtà è caratterizzata da veicoli sempre più complessi, flotte professionalmente organizzate al posto di molti singoli clienti privati, e nuovi concorrenti come gli operatori di e-commerce.



Mobilità come servizio: manutenzione preventiva e predittiva alimentata da ZF Aftermarket


In linea con l’approccio olistico one-stop-shop di ZF, l’azienda offre un portafoglio completo di prodotti. Questo include componenti singoli come sensori, sistemi di assistenza alla guida e trasmissioni elettriche, nonché servizi software, servizi di manutenzione preventivi e predittivi e riparazioni. Dopo la recente acquisizione di WABCO, ZF offre ora in aftermarket anche il portafoglio di prodotti e servizi leader per i veicoli industriali.

ZF Aftermarket fornisce servizi non solo per ATS, ma anche per altre applicazioni che sono già in produzione di serie o in programmazione: furgoni a guida autonoma, veicoli per la movimentazione di materiali e macchinari agricoli. È qui che in futuro emergerà un nuovo mercato per le officine partner di ZF.

“Applicazioni altamente efficienti e senza conducente guidate dai dati, come robo-taxi o navette, stanno creando nuovi orizzonti per la mobilità. ZF Aftermarket supporta lo sviluppo continuo dei veicoli CASES ampliando l’infrastruttura, ma anche offrendo servizi di manutenzione per il software e l’hardware di queste applicazioni orientate al futuro”, commenta Philippe Colpron.

L’azienda trasmette questa esperienza anche alle sue officine partner, ad esempio durante i corsi di formazione su argomenti quali i sistemi di assistenza alla guida o le trasmissioni elettriche ad alta tensione. Questi temi sono presenti su ZF Aftermarket Live, piattaforma di ZF che sarà online parallelamente ad Automechanika Digital Plus.


La mobilità elettrica è già la chiave per un trasporto pulito ed efficiente


Gli sviluppi tecnologici offrono un interessante potenziale di crescita per le officine, ma possono essere utilizzati solo se si è preparati. Il numero di modelli ibridi ed elettrici è in aumento e con esso la necessità di assistenza e riparazioni. Tuttavia, senza la corretta formazione, i tecnici non sono autorizzati ad intervenire su un veicolo elettrico o ibrido; una regola che si applica anche ai semplici lavori di manutenzione dei componenti convenzionali del veicolo. Come produttore leader di prodotti di qualità di primo impianto per veicoli elettrici, ZF Aftermarket sfrutta le sue conoscenze di prima mano per offrire rilevanti competenze tecniche alle officine partner. Con un approccio completamente integrato, ZF Aftermarket assicura che i componenti prodotti dal gruppo ZF siano disponibili in aftermarket sin dall’inizio, come ad esempio il Servofreno Elettrico TRW.



ZF Aftermarket offre soluzioni di prodotti e sistemi per ridurre i costi operativi e le emissioni di CO2


Le soluzioni di Fleet Management di ZF Aftermarket contribuiscono alla sostenibilità, ma i prodotti ZF sono anche leader a livello mondiale in termini di efficienza, aiutando i clienti a ridurre il consumo di carburante e quindi le emissioni. La sfida globale consiste nel raggiungere la neutralità climatica lungo l’intera catena del valore: per tutte le materie prime e le relative vie di trasporto, ma anche per il prodotto, il veicolo stesso, il suo utilizzo e il suo smaltimento. ZF sta lavorando per neutralizzare queste emissioni entro il 2040. Inoltre, ZF sta riducendo le emissioni di CO2 in tutte le fasi e nei processi di produzione, ad esempio controllando le macchine utensili in base alla domanda o sostituendo processi che utilizzano gas come quelli per l’indurimento dei materiali.

Pertanto questi prodotti fabbricati in modo sostenibile sono disponibili in aftermarket come elemento della roadmap #greenaftermaket di ZF. Un altro elemento è la rigenerazione, che riduce la necessità di materiale fino al 90% rispetto alla realizzazione di un prodotto nuovo. Allo stesso tempo, si può risparmiare circa il 90% di energia. Una vasta gamma di componenti del veicolo, come freni, trasmissioni, sistemi sterzo e convertitori di coppia, viene ricostruita secondo la qualità di primo impianto in più di 20 sedi in tutto il mondo e la tendenza è in aumento. Inoltre, gli esperti di ZF Aftermarket stanno già lavorando su soluzioni di rigenerazione per le unità di trasmissione elettriche, per essere pronti a soddisfare la domanda.


Secondo Philippe Colpron, ZF Aftermarket e i suoi partner godono di buona posizione rispetto al punto di trasformazione del settore: “ZF Aftermarket ambisce ad essere il frontrunner dell’aftermarket verde e sostenibile e aspira a raggiungere obiettivi in molte aree come la carbon neutrality, imballaggi senza plastica e istruzione. Sulla base della leadership tecnologica del Gruppo ZF, ZF Aftermarket trasferisce tecnologie e approcci sostenibili OE al mercato post-vendita. La nostra ricetta per il successo è una combinazione di forte attenzione al cliente, presenza dell’assistenza esattamente dove il cliente ne ha bisogno e un portafoglio di prodotti e servizi in costante crescita, comprese le soluzioni digitali. In un mondo sempre più complesso, vogliamo offrire al tempo stesso semplicità, accessibilità e valore aggiunto”.


Condividi questo articolo

1.444
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto

bola deposit pulsa bandar bola terbesar bandar bola demo slot pragmatic judi online daftar slot jadwal euro 2021