Volvo FH LNG

Le 1000 mission del nuovo Volkswagen Crafter

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Ultim'ora > Sicurezza sulle strade

Ultim'ora

Sicurezza sulle strade

Scritto da

Federica Lugaresi

il 30 agosto 2017

Strada sempre più violenta, tante le aggressioni fisiche alle forze di polizia 1.130 attacchi  nei primi sei mesi del 2017

Un referto ogni 4 ore.Record di violenze a luglio con 313 aggressioni fisiche in un solo mese: 10 al giorno con un agente al pronto soccorso ogni 2 ore e mezza. Polizia che ci protegge e vigila sulla nostra sicurezza ma che rischia tanto e quotidianamente. E purtroppo nell’indifferenza totale (o quasi).

E’ di poche ore fa infatti l’aggressione all’agente della Polizia Municipale di Roma, con la frattura di un braccio del poliziotto: purtroppo questa  è solo l’ultima di una lunghissima serie di aggressioni fisiche agli operatori di polizia mentre effettuano il loro lavoro durante i normali controlli su strada. “Secondo l’ormai decennale Osservatorio Sbirri Pikkiati dell’ASAPS nei primi sei mesi del 2017 sono già state  1.130 le aggressioni alle divise. Cioè 6 violenze fisiche ogni giorno, una ogni 4 ore. E parliamo delle sole aggressioni scaturite durante i controlli su strada, escludendo tutte quelle riconducibili a motivi di ordine pubblico di ogni genere come manifestazioni, stadi ecc.”.

Delle 1.130 aggressioni, 546 hanno avuto come bersaglio  i Carabinieri (48,3%), 386 alla Polizia di Stato (34,2%), 117 la Polizia Locale (10,4%) numerose in questo caso anche le aggressioni alle agenti donna.  Il resto è riferito ad  altri corpi. In 306 casi (27,1%)  l’aggressore è risultato ubriaco o drogato, in 520 episodi l’aggressore era uno straniero (46%). In 213 attacchi (18,8%)  sono state usate armi proprie o improprie (mazze, ombrelli o la stessa vettura)“. E luglio 2017 è stato poi, per il momento, il mese   record degli attacchi alle divise.

Sono state infatti  313 le  aggressioni violente e refertate. Come dire che ogni giorno 10 carabinieri o agenti sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso con un referto stilato ogni 2 ore e mezzo. Una situazione impressionante e imbarazzante, mai vista prima dagli incaricati dell’Osservatorio dell’ASAPS.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Acitoinox, acciaio per il tuo camion

1,420
prezzo medio gasolio

Workshop Temperatura Controllata