web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > > Riprende nell’incertezza il mercato dei rimorchi e semirimorchi

Ultim'ora

Riprende nell’incertezza il mercato dei rimorchi e semirimorchi

Scritto da

Redazione

il 24 Settembre 2020

Se la ripresa di giugno aveva fatto tirare un sospiro di sollievo, i dati di luglio e agosto mettono in evidenza la difficoltà del mercato dei rimosrchi, semirimorchi e allestiti, facendo chiudere i primi8 mesi a -32,2%

La stima del Centro Studi e Statistiche di UNRAE, l’Associazione delle Case estere, del mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t che indica per il mese di luglio 2020 una perdita di -7,5% rispetto al luglio del 2019 (1.076 unità immatricolate contro 1.163) mentre per il mese di agosto il calo del mercato è stato di -0,9% sullo stesso mese dell’anno scorso (586 immatricolazioni contro 591).

Nonostante il dato positivo di giugno (+6,7% sul giugno 2019), arrivato dopo il crollo di marzo e aprile, nei primi 8 mesi il crollo del mercato è del 32,2% con 7.047 unità contro le 10.394 del gennaio-agosto 2019.

L’auspicio di tutti è che con l’avvio dell’attesa fase di ripresa dopo l’emergenza si possa registrare anche un andamento delle immatricolazioni che consenta infine una lettura in tempo reale del mercato.

Con l’attivazione dei finanziamenti agli investimenti nell’autotrasporto attraverso il Decreto ministeriale del MIT e quello direttoriale che ha stabilito tempi e modi per la presentazione delle domande (prenotazioni) al fine di ottenere le risorse messe a disposizione per le annualità 2020 e 2021, si è avviata una procedura che dovrebbe avere tutte le caratteristiche necessarie per costituire un efficace sostegno agli investimenti in favore del rinnovo del parco circolante dei veicoli rimorchiati.

Un aspetto della questione dei finanziamenti per i veicoli rimorchiati che ancora deve essere considerato è quello che, al di là della sostenibilità, riguarda la sicurezza. Per questa ragione UNRAE chiede da tempo che oltre a sostenere l’acquisto di veicoli adibiti all’intermodalità, venga considerata anche l’opportunità di incentivare l’acquisto di rimorchi destinati al trasporto ordinario stradale, dove l’obsolescenza dei mezzi determina una diffusa condizione di insicurezza del trasporto e della circolazione.

Condividi questo articolo

Citroën Gamma PRO: sa fare tutto, proprio come te

1,463
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto