BT SHOW - PT 2 - INARRESTABILI E TRASPORTARE OGGI

Il nuovo DAF LF

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Monitor UE > Reti TEN-T:i progetti che verranno finanziati

Monitor UE

Reti TEN-T:i progetti che verranno finanziati

Scritto da

Luca Barassi

il 20 ottobre 2011

La Commissione europea ha dato il via libera ai progetti prioritari nel quadro delle grandi reti transeuropee per il periodo 2014-2020: il piano, da 50 miliardi di euro, prevede per il settore dei trasporti anche i collegamenti ferroviari Napoli-Bari, Napoli-Reggio e Messina-Palermo, ma non il ponte sullo Stretto, di cui dovranno occuparsi – secondo Bruxelles – le autorità italiane.
I 50 miliardi di euro stanziati dalla Commissione europea sono, come ha detto il presidente José Manuel Barroso, un “acconto” per lo sviluppo futuro dell’Unione, poiché “aiuteranno a colmare i collegamenti mancanti nelle infrastrutture europee”. A partire da quelle nei trasporti, che verranno completate e potenziate con investimenti per 31,7 miliardi di euro, il 63,5 per cento del totale. Oltre ai trasporti, la commissione prevede di potenziare le infrastrutture nell’energia e nelle reti di telecomunicazione a banda larga. Per quanto riguarda i trasporti, sono considerati fondamentali i cosiddetti corridoi. “Collegheremo grandi corridoi per il trasporto merci e passeggeri in Europa”, ha spiegato Barroso.  “Come il corridoio Nord-Sud da Helsinki a La Valletta. O il corridoio da Ovest a Est, con investimenti in un collegamento ferroviario da Sines, in Portogallo, attraverso Madrid, in Spagna, e attraverso Bordeaux, in Francia”.
Per quanto riguarda l’Italia, le principali novità riguardano l’inserimento nel corridoio Baltico-Adriatico dei collegamenti ferroviari e delle piattaforme multimodali di Udine, Venezia e Ravenna, nonché dei porti della stessa Ravenna, di Trieste e di Venezia. Al Nord è stata confermata poi la priorità assegnata alla Torino-Lione, al tunnel del Brennero e al collegamento ferroviario Genova-Milano-Svizzera.
Nel Mezzogiorno, al potenziamento della ferrovia Napoli-Reggio Calabria è stata affiancata la priorità assegnata anche ai lavori da realizzare sulla tratta Napoli-Bari. Ed è stata anche ribadita la disponibilità a sostenere il miglioramento del collegamento tra Messina e Palermo.
Per il ponte sullo Stretto, invece, non c’è stato niente da fare, anche se “Palermo merita senza dubbio di essere un nodo, come abbiamo scritto nel documento”, ha sottolineato il commissario Ue ai Trasporti, Siim Kallas. Il quale ha poi aggiunto: “A questo punto, posso dire che noi non prendiamo alcun impegno riguardo al ponte sullo Stretto di Messina o riguardo a un collegamento via nave. Questa è una linea che fa parte del network prioritario (per l’Ue), ma il ponte sullo Stretto sarà lasciato alle autorità italiane”.

Da Stradafacendo.tgcom.it

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

DAF CF/XF E' TRUCK OF THE YEAR 2018

1,366
prezzo medio gasolio

Convegno 28 novembre 2017