Volvo FH LNG

Le 1000 mission del nuovo Volkswagen Crafter

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Ultim'ora > Progetto Monitraf per ridurre traffico nelle Alpi

Ultim'ora

Progetto Monitraf per ridurre traffico nelle Alpi

Scritto da

Luca Barassi

il 22 settembre 2009

La Provincia di Bolzano partecipa a “iMONITRAF” tramite la Ripartizione Urbanistica, che potrà sfruttare anche il know-how messo a disposizione dall'Eurac, mentre gli altri partner del progetto sono la Valle d'Aosta, il Piemonte, il Friuli-Venezia Giulia, il Tirolo del Nord, la regione francese Rhône-Alpes e i cantoni svizzeri Ticino, Uri, Zugo e Lucerna. “Tutti questi territori – ha sottolineato l'assessore Laimer – si trovano lungo i cinque grandi corridoi di attraversamento delle Alpi: dal Frejus al Monte Bianco, dal San Gottardo al Brennero, sino a Tarvisio. Da qui passano i due terzi del traffico di transito lungo l'arco alpino, pari a 81,4 milioni di tonnellate di merci ogni anno”.

L'obiettivo del programma comunitario è quello di elaborare strategie comune, tra le regioni partecipanti, per una strutturazione sostenibile dei trasporti di persone e merci avvalendosi di un monitoraggio ed una valutazione costanti dei dati ambientali e sul traffico. “Misure innovative e modelli da prendere come esempi positivi – ha proseguito Michl Laimer – saranno queste le strade da seguire per ridurre le conseguenze negative del traffico sull'ambiente e sulla salute senza però frenare lo sviluppo economico delle regioni coinvolte”. Sino ad oggi le Regioni si sono limitate a regolamentare la materia con decisioni proprie, valide esclusivamente sul territorio di competenza, spezzettando dunque gli effetti positivi che provvedimenti di più ampia portata avrebbero potuto avere su tutti i corridoi di attraversamento dell'arco alpino.

“Il nostro impegno – ha spiegato l'assessore provinciale all'ambiente – è quello di incentivare lo sviluppo di nuove strumenti di regolazione e gestione del traffico in grado di favorire lo spostamento dalla gomma alla rotaia. Ma non solo: “iMONITRAF” dovrà essere il primo esempio concreto di una “borsa dei transiti”, e dovrà porre le basi per una rete d'azione politica capace di farsi sentire a livello nazionale ed europeo”. Il progetto “iMONITRAF”, nato nell'ambito del programma Interreg IV-B Alpine-Space avrà validità triennale, e sarà sostenuto finanziariamente dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) e dai singoli stati che garantiranno un contributo complessivo di 1,7 milioni di euro.

Da Provincia autonoma Bolzano-Alto Adige

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Acitoinox, acciaio per il tuo camion

1,420
prezzo medio gasolio

Workshop Temperatura Controllata