Volvo FH LNG

Le 1000 mission del nuovo Volkswagen Crafter

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Autotrasporto > Piemonte: autotrasporto chiede incentivi per “fap”

Autotrasporto

Piemonte: autotrasporto chiede incentivi per “fap”

Scritto da

Luca Barassi

il 16 dicembre 2009

Due regioni del Nord, le più ricche e industrializzate, il Piemonte e la Lombardia, sono protagoniste in questi giorni di una vicenda che riguarda i provvedimenti antismog. In entrambe le regioni sono infatti in vigore ordinanze che limitano la viabilità ai mezzi maggiormente inquinanti, ma soltanto in Lombardia sono previsti massicci incentivi per l’acquisto dei Fap, i filtri antiparticolato o filtri antismog. L’asse Milano-Torino si rompe sul fronte dell’autotrasporto, quindi. Se infatti i milanesi ricevono un contributo del 75 per cento per l’acquisto del filtro antiparticolato, quelli piemontesi – che hanno naturalmente chiesto gli stessi incentivi – devono pagarsi tutto di tasca propria.
Così, come spiega “la Repubblica”, a poche ore dall’annuncio della decisione di bloccare la circolazione degli Euro 2 diesel, la Cna del Piemonte denuncia la diversità di trattamento e chiede agli assessori regionali Paolo Peveraro e Andrea Bairati di tener conto delle difficoltà dei 50mila autotrasportatori con mezzo Euro 2 che dovranno installare il nuovo filtro, con una spesa che oscilla fra i 3mila e i 9mila euro. Il Piemonte dovrebbe fare la sua parte, dice il segretario regionale Michele Sabatino “per lenire gli effetti di un federalismo poco sensato che rischia di creare forti danni alle imprese discriminandole a seconda del territorio di provenienza”. Molto meglio sarebbe, è la tesi della Cna, che tutta la materia tornasse a essere di competenza dello Stato: “È assurdo che queste decisioni possano essere prese addirittura dalle singole province”.
In provincia di Torino il blocco coinvolge solo i mezzi inferiori ai 35 quintali, in Lombardia lo stesso provvedimento riguarda anche quelli di peso superiore. “Per questo abbiamo chiesto contributi per tutti i mezzi, anche per i più pesanti”, spiega Sabatino, “perché in caso contrario, appena passato il confine con la Lombardia, l’autotrasportatore sarebbe soggetto alla multa di 120 euro. La prova dell’assurdità di queste ordinanze che qui ci sono e poco più in là no”.

Da Stradafacendo.tgcom.it

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Acitoinox, acciaio per il tuo camion

1,420
prezzo medio gasolio

Workshop Temperatura Controllata