Venerdì, 24 Novembre 2017

BT SHOW - PT 2 - INARRESTABILI E TRASPORTARE OGGI

Il nuovo DAF LF

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Infrastrutture > Galleria di base del Brennero: al via i lavori del lotto più grande

Infrastrutture

Galleria di base del Brennero: al via i lavori del lotto più grande

Scritto da

Federica Lugaresi

il 10 ottobre 2016

La rete di trasporto TEN-T è la nuova metropolitana d’Europa per favorire la circolazione di persone e merci su un mezzo ecologico: il treno. Con l’avanzamento del progetto della galleria di base del Brennero si riuscirà ulteriormente a diminuire l’utilizzo del trasporto stradale, con conseguente diminuzione delle emissioni di gas serra.

Con la Galleria di Base del Brennero (BBT) nasce una ferrovia orientata al futuro, che attraversa le Alpi alla base delle montagne, senza più passi acclivi e difficili da superare: si tratta infatti dell’elemento centrale della nuova linea ferroviaria del Brennero, che collega l’asse da Monaco a Verona.

Tale corridoio, il cosiddetto SCAN-MED ( Scandinavia-Mediterraneo), identifica il tragitto di massima importanza per l’economia europea, poichè collega i centri urbani tedeschi e italiani con i porti del Mediterraneo – La Valletta a Malta – e della Scandinavia (Helsinki). Si tratta di un progetto infrastrutturale transnazionale multimodale, considerato prioritario dall’Unione Europea, che ne finanzia il 40% dei costi, mentre il restante 60% sarà a carico di Italia e Austria per il 50% ciascuno.

Ricordiamo che il Brennero è il passo transalpino più basso (con una quota di 1371 metri s.l.d.m.) e pertanto anche il più utilizzato: basti pensare che attraverso di esso  transita il 40% del traffico merci transalpino. Principalmente, la galleria di base servirà il trasporto merci, favorendo lo spostamento del traffico pesante dalla strada alla rotaia. Tuttavia, la galleria potrà essere utilizzata anche per il trasporto passeggeri. Grazie all’abbattimento quasi totale delle pendenze (la pendenza longitudinale infatti è compresa tra il 4‰ e il 6,7‰), i treni in transito non dovranno affrontare più le impegnative salite e discese della linea esistente, risalente al 1867 e si arriverà ad avere una velocità di esercizio per il trasporto ferroviario delle merci che raggiungerà i 120 km/h.

E’stato da poco assegnato l’appalto relativo al mega-lotto in cui saranno realizzati 68 km di gallerie del valore complessivo di circa di 1 miliardo di euro. Vincitore della gara, raggruppamento di imprese composto da Astaldi S.p.A, Ghella S.p.A., Oberosler Cav Pietro, Cogeis S.p.A., PAC S.p.A. Il lotto denominato “Mules 2-3” costituisce la parte principale del tracciato del tunnel di base del Brennero sul versante italiano e comprende il tratto da Mezzaselva (BZ) al confine di Stato.

In 7 anni saranno scavati 40,3 km di gallerie di linea, 14,7 km di cunicolo esplorativo, la fermata di emergenza di Trens con la relativa galleria di accesso, e i cunicoli trasversali di collegamento ogni 333 m tra le due gallerie di linea, completando così tutte le opere di scavo sul territorio italiano.
I lavori in direzione del Brennero prevedono in una fase iniziale lo scavo con il cosiddetto metodo “tradizionale” (mediante esplosivo ed escavatori) per poter completare l’attraversamento della faglia Periadriatica. Successivamente lo scavo procederà fino al confine di Stato con l’uso della TBM  (talpa meccanica); anche in direzione sud lo scavo delle gallerie di linea sarà realizzato con metodo meccanizzato, fino a raggiungere il confine con l’altro lotto attualmente in costruzione, quello del Sottoattraversamento del fiume Isarco.
Durante la realizzazione del lotto Mules 2-3 saranno estratti più di 6 milioni di metri cubi di materiale di scavo dei quali, circa un 1/3 potrà essere riutilizzato all’interno dello stesso cantiere, per la produzione di calcestruzzo. Il materiale movimentato sarà trasportato principalmente su nastri trasportatori, riducendo così sensibilmente gli impatti sulla viabilità ordinaria.

 

 

 

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

1,366
prezzo medio gasolio

Convegno 28 novembre 2017