web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > > Consumatori e benzinai uniti il 25 luglio

Ultim'ora

Consumatori e benzinai uniti il 25 luglio

Scritto da

Luca Barassi

il 19 Luglio 2011

Lunedì 25 luglio alle ore 10:30 a Roma presso l’Hotel Nazionale di Piazza Montecitorio molte delle sigle del settore trasporti, e non  solo, terranno una conferenza stampa di presentazione del “Comitato 25  luglio”, ispirato alla manifestazione di protesta che si svolgerà alle 
ora 12:00 dello stesso giorno, quando tutti per un minuto suoneranno  il clacson contro la manovra del governo che ha visto un aumento  indiscriminato delle accise. Federconsumatori, Adiconsum, Fit-Cisl, Filt-Cgil, Uil-Trasporti, Faib-Confesercenti, Fegica-Cisl, Transfrigoroute Italia Assotir, Anitrav, Cna Servizi alla Comunità-
Autoriparazione, LegaCoop Servizi e il 'Corriere dei Trasporti'. 
“Suona il clacson contro l’aumento delle accise”, è questo lo slogan  messo in campo dal mondo dei trasporti contro la manovra del governo. 
La Cna-Fita è a capo della manifestazione nazionale per denunciare  l’aumento del prelievo fiscale sui carburanti. A mezzogiorno in punto  di lunedì, tassisti, noleggiatori ed autotrasportatori manifesteranno  la loro protesta suonando il clacson per un minuto. “I trasporti  vogliono alzare la voce e per la prima volta intendono farlo con tutti  gli utenti della strada. Alla manifestazione hanno aderito, l’unione  farà la forza”. Queste le parole di Cinzia Franchini, la neo  Presidente Nazionale di CNA-Fita. “Sempre il 25 luglio a Roma  presenteremo in una conferenza stampa congiunta il neonato ‘Comitato  25 luglio’ – continua la Franchini – che sarà un luogo di confronto  permanente per le numerose associazioni che rappresentano l’utenza  della strada e che per la prima volta intendono fare fronte comune. 
Gli aumenti delle aliquote delle accise disposti dall’Agenzia delle Entrate il 28 giugno scorso e validi fino al 31 dicembre 2011, sono  stati confermati nella Manovra in approvazione a decorrere dal primo  gennaio 2012 a tutto il 2015. Un duro colpo inferto a tutti gli 
operatori del trasporto merci e persone e agli utenti della strada in genere. Una stangata di oltre 7 miliardi di euro nei prossimi 4 anni – ha concluso la Presidente CNA-Fita – che si aggiungeranno agli altri 3 miliardi recuperati con gli aumenti fatti nel 2011.  Invece di 
contrastare il caro carburante, che sta seriamente pregiudicando il settore del trasporto merci e persone, questo governo ha preferito la scorciatoia della tassazione indiretta andando a colpire tutti indiscriminatamente e soprattutto i più deboli”.


 


Condividi questo articolo

Registrati gratuitamente!

1.444
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto

bola deposit pulsa bandar bola terbesar bandar bola demo slot pragmatic judi online daftar slot jadwal euro 2021