web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > > Blocco per neve: le responsabilità

Infrastrutture

Blocco per neve: le responsabilità

Scritto da

Luca Barassi

il 4 Febbraio 2019

La A22 bloccata per 12 ore ha creato disagi al traffico commerciale e privato. Ancora una volta hanno provato a dare la colpa ai TIR. Thomas Baumgartner alza la voce e imputa il problema alla politica austriaca.

Da anni per i camion non esistono più’ pneumatici estivi ed invernali, ma solamente pneumatici M+S, vale a dire gomme valide per tutte le condizioni, sia in inverno che d’estate. Dunque non corrisponde a verità’ che quanto accaduto sulla A22 sarebbe colpa dei pneumatici estivi montati da alcuni TIR. Come ormai accade da tempo, ogni venerdì sera si forma una lunga colonna di mezzi pesanti sull’A22 versante a sud del Brennero, per il divieto notturno e il nuovo divieto di circolazione del sabato mattina in Tirolo e venerdì scorso, con la nevicata e la presenza di camion sulla corsia di destra, non era possibile una pulizia ottimale del manto stradale da parte dei mezzi per lo sgombero della neve”.


Così sottolinea Baumgartner, presidente di ANITA.


E’ evidente che i mezzi pesanti che trasportano merci deperibili o quelli autorizzati a circolare anche di notte, per evitare di rimanere bloccati dall’entrata in vigore dei divieti austriaci, hanno ovviamente cercato di sorpassare la colonna dei TIR, ma dovendo oltrepassare una parte di manto stradale non pulito dalla neve, hanno avuto problemi.


Chiediamo che i rappresentanti politici intervengano contrastando la politica unilaterale dell’Austria contro il traffico commerciale, che oltre a procurare frequenti incolonnamenti sulla A22 con conseguente rischio per gli altri utenti dell’infrastruttura, danneggia anche enormemente l’economia italiana e quella dell’Alto Adige. Capiamo che gli automobilisti che utilizzano le autostrade vorrebbero averle libere dal traffico pesante, ma noi facciamo solo il nostro dovere per servire i nostri committenti e svolgiamo un servizio essenziale per l’economia. Nessun camion circola sulle strade per piacere o divertimento” – conclude Baumgartner.


 


 


Condividi questo articolo

L’edizione limitata per i 50 anni del V8 Scania

1,290
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto