BT SHOW - PT 2 - INARRESTABILI E TRASPORTARE OGGI

Il nuovo DAF LF

web-tv

Sei qui: Home > Sezione LOGISTICA > Aziende e strategie > UPS: crescono le consegne, si riducono le emissioni

Aziende e strategie

UPS: crescono le consegne, si riducono le emissioni

Scritto da

Francesca Lugaresi

il 1 agosto 2013

UPS ha annunciato i risultati emersi dal Rapporto di Sostenibilità annuale nel quale dichiara di aver registrato una riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) nonostante l’aumento del numero dei pacchi consegnati nel 2012. I successi in termini di tutela dell’ambiente sono stati raggiunti grazie al risparmio di carburante per il trasporto via terra e via aerea, l’aumento degli investimenti in veicoli a combustibile alternativo e una riorganizzazione dei percorsi che ha permesso di ridurre di circa 19,5 milioni di chilometri le tratte per le consegne su strada.

UPS ha fissato, inoltre, un nuovo obiettivo per l’utilizzo di combustibili alternativi“, ha detto David Abney, chief operating officer di UPS. “Entro il 2017, l’azienda mira a percorrere 1,6 miliardi di chilometri (1 miliardo di miglia) con combustibile alternativo e veicoli a tecnologia avanzata – più del doppio rispetto al precedente obiettivo di 400 milioni di miglia“.

Per il secondo anno consecutivo, UPS ha conseguito le certificazioni di qualità più elevata per la trasparenza nel processo di reporting. Il Rapporto di Sostenibilità soddisfa infatti i requisiti del livello A+ stabiliti dalla Global Reporting Initiative e ha ottenuto l’avvallo di Deloitte & Touche LLP, parte terza che ha certificato il report e i dati relativi ai gas serra. Meno del 20% di tutti i rapporti di sostenibilità della Global Reporting Initiative sono A+.

I nostri risultati all’avanguardia nel settore mostrano come una tecnologia innovativa migliori l’efficienza operativa a livello globale e permetta di ottenere certificazioni di prim’ordine di dati tangibili“, ha dichiarato Scott Wicker, chief sustainability officer di UPS. “Il tema del rapporto, More of What Matters, mette in evidenza come UPS si stia sempre più concentrando sull’avere un impatto positivo, che sia misurabile, attraverso pratiche di business sostenibile e competenze logistiche“.

Tra i punti salienti del Rapporto 2012:

• Riduzione del 2,1% rispetto all’anno precedente delle emissioni di gas serra calcolate sia sull’operatività dell’azienda sia sull’energia acquistata

• Rapida espansione delle infrastrutture healthcare di UPS a livello globale per un totale di circa 595.000 metri quadrati

• Global Forestry Initiative, per piantare più di 1 milione di alberi entro la fine del 2013

• Impegno nell’assistenza umanitaria in 35 paesi, con relative donazioni in generi di conforto per un valore corrispettivo di 2,6 milioni di dollari

• Contributi di beneficenza e donazioni a United Way di 97,5 milioni dollari, 4 milioni di dollari in più rispetto al 2011

• Un nuovo record di 1,8 milioni di ore di volontariato donate dai dipendenti UPS, i loro amici e le loro famiglie

Inoltre, nel 2012 la UPS Airlines, responsabile del 57% delle emissioni di anidride carbonica di UPS, ha ridotto l’uso di combustibile e la produzione di CO2 determinando un risparmio dell’1,3% del carburante rispetto all’anno precedente, nonostante il volume di trasporto aereo sia aumentato del 4,8% nello stesso periodo.

Uno dei capisaldi della strategia ambientale di UPS è quello di sostenere lo sviluppo e l’uso di carburanti alternativi a più basse emissioni. La flotta via terra è infatti responsabile del 35% delle emissioni di anidride carbonica di UPS. L’azienda sta accelerando la sperimentazione, l’acquisto e la diffusione di veicoli di nuova generazione. Tra il 2000 e la fine del 2012, la flotta a combustibile alternativo e a tecnologia avanzata ha effettuato 475 milioni di chilometri  con un nuovo ambizioso obiettivo di 1,6 miliardi di chilometri  per il 2017. Nel 2012, questa flotta in continua crescita ha percorso circa 78 milioni di chilometri, il 43% in più rispetto al 2011.

All’inizio di quest’anno, UPS ha annunciato l’intenzione di introdurre circa 1.000 motrici a gas naturale (GNL) nei prossimi due anni, ampliando la sua flotta di veicoli a carburante alternativo e tecnologicamente avanzati, attualmente composta da 2.700 unità. La flotta comprende oggi, veicoli elettrici, ibridi elettrici, ibridi idraulici, a gas naturale (GNL, gas naturale compresso), propano, biometano e veicoli leggeri con carrozzeria a materiale composito che fanno risparmiare carburante.

Il nuovo Rapporto di Sostenibilità registra i dati relativi alla riduzione delle emissioni, al risparmio di carburante e di chilometri percorsi attraverso l’uso innovativo della tecnologia. Ad esempio, i dati telematici forniti dai sensori collocati sui veicoli hanno aiutato UPS a tagliare, lo scorso anno, il tempo in cui i motori hanno girato al minimo di oltre 206 milioni di minuti, per un risparmio di oltre 5,5 milioni di litri di carburante. La tecnologia di routing ha fatto aumentare le soste di ritiro e consegna per chilometro, con un risparmio di circa 20 milioni di chilometri di guida, che equivalgono a circa 5 milioni di litri di carburante.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

DAF CF/XF E' TRUCK OF THE YEAR 2018

1,366
prezzo medio gasolio

Convegno 28 novembre 2017