Sabato, 16 Dicembre 2017

BT SHOW - PT 2 - INARRESTABILI E TRASPORTARE OGGI

Il nuovo DAF LF

web-tv

Sei qui: Home > Sezione LOGISTICA > Ferrovia > Il Veneto si attiva per la sicurezza ferroviaria

Ferrovia

Il Veneto si attiva per la sicurezza ferroviaria

Scritto da

Luca Barassi

il 14 luglio 2009

Il Veneto si attiva per monitorare la sicurezza del trasporto ferroviario che interessa il proprio territorio, in riferimento al trasporto di merci pericolose. “Abbiamo a questo scopo incaricato la società controllata Sistemi Territoriali – ha spiegato l’assessore alle politiche della mobilità e agli investimenti strategici Renato Chisso – di effettuare un ampio monitoraggio della situazione e di prepararci entro la fine di settembre una relazione dettagliata”. “Come Regione – ha detto ancora Chisso – non abbiamo competenze in materia di sicurezza ferroviaria, demandata di per sé ad altri soggetti. Però abbiamo il dovere di tutelare i nostri cittadini e i nuclei abitati interessati al trasporto, specie se di merci pericolose, e i recenti fatti di Livorno hanno tristemente portato alla ribalta queste problematiche. Vogliamo e dobbiamo perciò sapere qual è lo stato della situazione, lo spessore del problema a livello regionale e quali sono le azioni preventive possibili”.

Da questo punto di vista, peraltro, Sistemi Territoriali è una società controllata che opera direttamente nel settore ferroviario, gestendo infrastrutture e trasporto sia di persone sia di merci, mentre la Regione del Veneto, nell’ambito del Piano Nazionale della Logistica, è soggetto attuatore del progetto pilota della filiera delle merci pericolose, con il quale è stata studiata l’implementazione di un programma operativo per la definizione di un piano sistematico di controllo delle filiere.

Sistemi territoriali è stata in sostanza incaricata di interagire con le società proprietarie o che gestiscono infrastrutture e trasporti, con l’obiettivo di procedere ad una mappatura del trasporto ferroviario, a livello regionale, delle merci pericolose, con particolare riguardo per quello sistematico e periodico. La società dovrà anche identificare le aree o siti regionali critici in termini di rischio per la popolazione e implementare, con l’assenso dei soggetti interessati, un programma di attività per la verifica dei processi di manutenzione, in relazione allo stato delle infrastrutture ferroviarie in ambito veneto maggiormente interessate da quei trasporti, e dei convogli che vi transitano, nonché della documentazione cartacea a supporto.

Da Giunta regionale Veneto

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

DAF CF/XF E' TRUCK OF THE YEAR 2018

1,366
prezzo medio gasolio

Convegno 28 novembre 2017