web-tv

Sei qui: Home > Sezione LOGISTICA > > Emergenza Coronavirus, come potrebbe cambiare l’industria navale

Shipping

Emergenza Coronavirus, come potrebbe cambiare l’industria navale

Scritto da

Redazione

il 27 Aprile 2020

Galleria Fotografica

Incassati i primi successi nella lotta al coronavirus, alcuni governi iniziano a esplorare la rimozione delle restrizioni alle attività produttive. Sul fronte dello shipping, nonostante il calo della domanda di trasporto, i noli sono stabili, grazie a tagli di capacità fino al 30 percento sulle rotte Asia-Europa.

Per l’industria navale, nonostante il crollo dei nuovi ordini, la tempesta della pandemia potrebbe costituire un’occasione per il radicale rinnovamento della flotta mercantile nei prossimi decenni, integrando nuove tecnologie per affrontare grandi questioni come il cambiamento climatico e l’efficienza della navigazione.


Nel frattempo, i porti di Genova consolidano il loro ruolo di principale hub per l’industria manifatturiera del Nord Italia, grazie alla vasta offerta di collegamenti marittimi e ferroviari fra i mercati interni e di oltremare.


Questi i temi trattati nell’odierna edizione dell’Update dedicato all’emergenza Coronavirus che si può leggere al seguente link (.pdf).


Condividi questo articolo

1,537
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto