web-tv

Sei qui: Home > Sezione LOGISTICA > > Le incognite del trasporto elettrico di generi alimentari per la Grande Distribuzione

Aziende e strategie

Le incognite del trasporto elettrico di generi alimentari per la Grande Distribuzione

Scritto da

Valeria Di Rosa

il 8 Ottobre 2021

Per Brivio & Viganò l’adozione di veicoli elettrici nel settore della Distribuzione e della Logistica Integrata di prodotti alimentari richiede ancora numerose migliorie, dalle infrastrutture all’autonomia dei veicoli

Da anni ormai l’economia in generale è focalizzata sul rispetto dell’ambiente e le imprese, qualsiasi sia il settore di appartenenza, sono mosse sempre di più dai principi della green economy. Brivio & Viganò è sicuramente tra queste e quindi alla costante ricerca di soluzioni innovative che offrano miglioramenti anche in tal senso. Con la sua flotta di oltre 900 targhe ha approcciato il mondo del trasporto elettrico, partecipando anche a tavoli di lavoro istituzionali sul tema. Senza alcun dubbio l’adozione di motori ad alimentazione elettrica porterebbe una serie di vantaggi: abbattimento delle emissioni, riduzione dei costi di manutenzione, possibilità di accesso alle zone a traffico limitato (in continuo aumento), diminuzione dell’inquinamento acustico (con conseguente possibilità di scarico delle merci nei centri città anche nelle fasce notturne con minor disturbo dei residenti).


Quando si parla però di trasporto di generi alimentari per la Grande Distribuzione bisogna fare i conti con alcune caratteristiche specifiche di questo settore che poco beneficiano di quanto sopra, ma al contrario fanno emergere numerosi svantaggi che non controbilanciano a sufficienza le migliorie.


Prima di tutto l’introduzione di questa novità dovrebbe essere supportata da un intervento sulle infrastrutture, e quindi sulla capillarità delle stazioni di ricarica, ad oggi carente già per quanto riguarda le auto. Se l’acquisto di un’automobile elettrica risulta maggiore rispetto a una macchina ad alimentazione tradizionale, lo stesso vale quando si parla di mezzi pesanti: il costo triplica, con piani di ammortamento estesi e molto poco sostenibili.


Inoltre, i motori ad oggi proposti dalle case produttrici, propongono un’autonomia che permette basse percorrenze kilometriche e tempi di ricarica molto lunghi: i camion in molti casi lavorano oltre le 15 ore al giorno e percorrono almeno 3 volte la disponibilità di una carica elettrica.


Certamente l’interesse di Brivio & Viganò verso queste novità rimane alto per molteplici ragioni e rivolto ad aggiornarsi sempre sulle migliorie in atto; è importante però che tutti gli attori coinvolti in questo cambiamento pongano attenzione ai molteplici aspetti che caratterizzano i business specifici.


Condividi questo articolo

1.444
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto

bola deposit pulsa bandar bola terbesar bandar bola demo slot pragmatic judi online daftar slot jadwal euro 2021