Volvo FH LNG

Le 1000 mission del nuovo Volkswagen Crafter

Sostenibili e Connessi - Convegno TForma

web-tv

Sei qui: Home > Sezione LOGISTICA > Aziende e strategie > AUTOTROTAIA TRA BARCELLONA E LIONE

Aziende e strategie

AUTOTROTAIA TRA BARCELLONA E LIONE

Scritto da

Luca Barassi

il 5 febbraio 2009

La compagnia ferroviaria spagnola Renfe e la società intermodale francese Naviland Cargo hanno inaugurato una connessione intermodale per container tra il porto di Barcellona e Lione. Il servizio è partito il 3 febbraio e per ora ha cadenza trisettimanale, ma se aumenterà la domanda potrebbe raggiungere una cadenza quotidiana. La partenza dai due capolinea avviene alle 10,30 di martedì, giovedì e sabato ed i contenitori sono disponibili la sera alle ore 22. A Lione, i container trovano coincidenze ferroviarie, così da proseguire verso Italia, Germania, Austria, Svizzera e Repubblica Ceca. Questo servizio è stato finanziato con 572.645 euro dal progetto comunitario Marco Polo. Naviland Cargo ha sede a Vincennes ed impiega 285 persone. Ha una flotta propria di 16 locomotori e 1500 vagoni e dispone di terminal in tutta la Francia.

Novatrans riduce – Di altro tenore è la notizia che viene da un altro operatore intermodale francese, Novatrans (partecipata anche dal gruppo SNCF). Secondo fonti di stampa francesi, la società intenderebbe sopprimere entro la fine di giugno un centinaio di posti di lavoro, su un totale attuale di 345.

Record di Kombiverkehr – Restando nell’ambito dell’intermodalità europea, i tedeschi di Kombiverkehr hanno raggiunto una movimentazione record nel 2008, nonostante il calo della domanda registrato nell’ultimo trimestre dell’anno. Nel 2008, la società tedesca ha effettuato 1.021 movimentazioni di unità di carico, con un incremento del 2% sull’anno precedente. I fattori che hanno favorito Kombiverkehr sono la scarsa incidenza dei servizi container portuali (che hanno risentito maggiormente della crisi) e la grande varietà di settori industriali serviti. Secondo i vertici della società, i volumi potrebbero crescere anche nel 2009. In tutti i casi, sta attuando una strategia flessibile, che prevede la possibilità di ridurre la frequenza di alcuni treni.

Da Trasporto Europa

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Scopri il nuovo TGE. Non è un VAN, è un MAN.

1,420
prezzo medio gasolio

Workshop Temperatura Controllata