web-tv

Sei qui: Home > Sezione EVENTI > > Aerospace & Defense Meetings: successo per la 7a edizione

Appuntamenti

Aerospace & Defense Meetings: successo per la 7a edizione

Scritto da

A. Trapani

il 9 Dicembre 2019

Un bilancio più che positivo quello della 7a edizione degli Aerospace & Defense Meetings, la business convention internazionale per l’industria aerospaziale e della difesa, tenutasi all’Oval Lingotto di Torino il 26 e 27 novembre, che si è confermata un appuntamento irrinunciabile per i player mondiali del settore: un incremento del 60% di buyer iscritti rispetto alla scorsa edizione del 2017 e più di 900 partecipanti, tra acquirenti e fornitori, 35 Paesi coinvolti, 110 aziende presenti, tra grandi gruppi multinazionali, PMI, start up e centri di ricerca, e più di 7.500 incontri B2B preorganizzati. Qualificata numericamente e qualitativamente la presenza del sistema aerospaziale piemontese con 89 imprese rappresentate, in particolare PMI, oltre a 4 tra Università e altre Istituzioni formative e 2 incubatori.

Tante le novità messe in mostra negli stand dai player del settore, in particolare quelli piemontesi, che riconoscono in questo evento un appuntamento tra i più importanti e strategici anche per il “lancio” di nuove tecnologie.


Leonardo ha esposto un modello in scala 1.10 dell’European Male: programma europeo congiunto lanciato in collaborazione con Airbus D&S e Dassault Aviation per lo sviluppo della futura generazione dei velivoli senza pilota, il primo sistema aereo a pilotaggio remoto progettato per il volo in spazi aerei non segregati. Grazie alla configurazione del velivolo, la scelta di un sistema propulsivo bimotore bi-turboelica fornisce l’energia di bordo per il sistema di missione, oltre a offrire la necessaria ridondanza per limitare le restrizioni in caso di operazioni in Europa su aree densamente popolate e spazi aerei non regolamentati. Nello stand Leonardo anche la tecnologia ATOS, Airborne Tactical Observation and Surveillance System, un avanzato sistema per missioni aeree che integra e gestisce vari sensori e sub-sistemi per permettere ad aerei, elicotteri e velivoli senza pilota di svolgere operazioni di intelligence, sorveglianza, ricerca e soccorso. Con applicazioni sui versanti della sicurezza nazionale, ordine pubblico, militare e SAR (Search and Rescue).


 


La business convention è stata anche l’occasione per Leonardo e Politecnico di Torino per presentare ufficialmente il progetto Torino Città dell’Aerospazio, che vede la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino e il sostegno di Regione Piemonte nonché supporto istituzionale della Città  di Torino. La nuova realtà nascerà entro tre anni nelle aree industriali dismesse tra corso Marche e corso Francia, con l’obiettivo di trasformare il territorio in un punto di riferimento nazionale e internazionale nella ricerca e nello sviluppo tecnologico su specifiche tematiche distintive.


 


Di forte impatto lo stand di Thales Alenia Space che ha realizzato oltre il 50% del volume pressurizzato della Stazione Spaziale Internazionale, certamente il più grande progetto di infrastruttura orbitante nella storia dell’uomo, contribuendo ai moduli di trasporto MPLM (Multi-Purpose Logistic Module), il laboratorio europeo Columbus di cui è si è potuto avere una riproduzione fedele ed immersiva grazie alle tecniche di realtà virtuale portate sullo stand, i moduli logistici automatici ATV (Automated Transfer Vehicle), i NODI 2 e 3, lo speciale osservatorio CUPOLA, famosa per essere la finestra su Spazio e Terra preferita dagli astronauti e moduli cargo pressurizzati (PCM) di rifornimento Cygnus. Thales Alenia Space è anche prime contractor per i dimostratori di rientro IXV e il successore Space Rider per conto dell’ESA. Partecipa, inoltre, alla realizzazione del modulo di servizio della capsula spaziale della NASA Orion, il nuovo veicolo per l’esplorazione dello spazio con equipaggio umano. Infine, Thales Alenia Space è contraente principale della Missione Euclid, super telescopio che punta ad esplorare l’energia oscura e penetrare i misteri della materia oscura, analizzando come l’Universo si sia evoluto negli ultimi 10miliardi di anni per comprendere la sua espansione e il perché stia accelerando.


 


Grande protagonista agli Aerospace & Defense Meetings 2019 l’additive manufacturing (Stampa 3D), la nuova frontiera della produzione industriale di cui Avio Aero è pioniere in Europa. Questa tecnologia presenta diversi vantaggi rispetto alla tecnologia di produzione tradizionale: i costi di produzione dipendono dalla quantità di polveri utilizzate e dal tempo macchina (quindi non dalla complessità dell’oggetto disegnato), diminuiscono drasticamente la quantità di scarti (quindi lo spreco) e soprattutto permette l’utilizzo di leghe metalliche non esistenti prima d’ora, come il TiAl – la lega di titanio-alluminio – più resistente di quelle utilizzate in passato ma allo stesso tempo più leggera. Lo stabilimento Avio Aero di Cameri (NO) è tra i più importanti al mondo interamente dedicati alla produzione additiva. Insieme al Politecnico di Torino, inoltre, Avio Aero ha inaugurato il Turin Additive LAB (TAL), un nuovo laboratorio congiunto, sito nella Cittadella della Ricerca e nato per collaborare su tematiche di ricerca di produzione additiva, strategiche per il settore aeronautico.


 


Allo stand di Collins Aerospace Actuation Italy, Società del gruppo United Technologies Corp., leader in soluzioni tecnologicamente avanzate per l’industria aerospaziale e per la difesa globale, i prodotti di attuazione ad alta tecnologia per controlli di volo primari e secondari, valvole per motori ad alta temperatura e sistemi di condizionamento dell’aria. I prodotti specifici sono progettati per l’ala rotante e l’ala fissa per applicazioni sia militari che commerciali.


 


E ancora ALTEC, Aerospace Logistics Technology Engineering Company,  azienda pubblico-privata partecipata di Thales Alenia Space Italia e dell’Agenzia Spaziale Italiana, con sede a Torino e proprio personale distaccato alla NASA e all’ESA, con il A4T4WATCH, segmento informatico avanzato del sistema Skymetry, presentato e commercializzato dalla PMI Digisky (che ne ha direttamente realizzato il segmento aereo). Skymetry offre al mercato un sistema integrato a basso costo, ma con prestazioni elevate, per il monitoraggio aereo del territorio, con molteplici applicazioni; al suo interno, A4T4WATCH consente prima la completa pianificazione del volo aereo, compresa la calibrazione dei sensori, poi la messa a disposizione strutturata dei dati ottenuti (e dei relativi metadati), il tutto completamente in cloud. Inoltre ALTEC sta consolidando con Thales Alenia Space e Nanoracks una rete di competenze e facilities che costituiscano una porta d’ingresso facilitata per il volo spaziale di esperimenti tecnologici e scientifici, nel quadro della New Space Economy. Per questo, sta affinando una catena completa di offerte cost-effective di supporto ingegneristico (es. realizzativo, logistico, di integrazione e test), calibrate perché se ne possano valere sperimentatori di differenti livelli di esperienza spaziale.


Anche l’Agenzia Spaziale italiana (ASI) è stata protagonista dell’evento con un stand tra i più visitati nella cornice dell’ex struttura olimpica. Proprio ASI ha calcolato che ogni euro investito nelle attività spaziali ne produce 11 di ritorno economico sul territorio, vanno considerati, infatti,  anche altri ambiti che beneficiano delle tecnologie ideate e sviluppate da aziende aerospaziali, come quelli automotive, farmaceutici, tessili e design.


 


Condividi questo articolo

1,537
prezzo medio gasolio

Ascolta la web radio del trasporto