BT SHOW - PT 3 - TRASPORTARE OGGI E INARRESTABILI

Scania Leader nel Trasporto Sostenibile

MAN TGE telaio cabina frigorifero LAMBERET

web-tv

Sei qui: Home > Sezione CONSTRUCTION > Ruote off road > Impegni gravosi più facili coi veicoli di Volvo Trucks

Ruote off road

Impegni gravosi più facili coi veicoli di Volvo Trucks

Scritto da

Federica Lugaresi

il 21 giugno 2018

Il segmento del “severe” si è allargato e specializzato. Il mercato degli impegni gravosi (sopra le 16 t) l’anno scorso ha visto immatricolare 19.632 veicoli, di cui 1.725 identificano il segmento del cava cantiere che finalmente lascia ben sperare in una ripresa. I clienti ora cercano macchine più flessibili e Volvo Trucks continua ad essere pronta a soddisfare tutte le esigenze. Il camion del futuro è pronto!

La voglia della Casa svedese di essere ”Driving in progress” è stata ampiamente dimostrata con l’evento organizzato per la stampa specializzata, recentemente presso la cava di Palosco (Bg). “E’ infatti il momento giusto per spostare ulteriormente l’ago in avanti” come dichiarato da Claudio Sivilotti – Product Manager Volvo Trucks dato che stanno cambiando un po’ di cose: in primis il nativo digitale che è già sul camion, e il camion Volvo è oggi un veicolo 4.0”.


La prerogativa di robustezza e solidità è da sempre insita nel DNA della Casa svedese che si è dimostrata sin dall’inizio costruttore leader di veicoli (oltre che per la strada) anche per la cantieristica e per impegni gravosi, assolutamente all’altezza di soddisfare applicazioni complesse, con soluzioni di trasporto all’avanguardia. E come spesso accade, chi è capace di imparare dal passato, può fare tesoro dell’esperienza ed andare oltre come spiegato da Sivilotti che continua dicendo: “Oggi Volvo vuole definire un nuovo standard e lo può fare grazie all’esperienza maturata per sapere cosa serve al mercato. L’esperienza sugli impegni gravosi viene travasata sulla strada: i truck attuali fanno due mestieri e sono crossover. Dalla cava devono andare in strada e viceversa; quindi progressivamente i veicoli da cava si stanno ingentilendo con soluzioni che permettono di farli sentire a proprio agio in ogni situazione”.


Le novità proposte


Fino a questo momento, Volvo Trucks ha cercato di sfatare alcuni paradigmi tipici della cava quali trazione permanente, cambio manuale, sospensioni meccaniche e assenza di cambi automatici. Nella realtà infatti, la trazione integrale permanente in cava viene utilizzata solo per un 5% comportando una maggiore usura sui componenti, sugli pneumatici e maggior consumo di gasolio (per il restante 95%). Per evitare ciò è stato introdotto un sistema con innesto a denti frontali che permette di far intervenire la trazione sull’anteriore (possibilità anche di farlo manualmente), agevolando la manovrabilità e conducibilità del mezzo evitando così distrazioni indotte all’autista.


Il Dynamic Steering è un’altra novità proposta come optional. Si tratta di un nuovo sistema di assistenza alla guida grazie al quale manovre su terreni sconnessi, con carichi elevati, a minore velocità e cattive condizioni dell’asfalto, diventano una sciocchezza. Questa tecnologia infatti compensa automaticamente le irregolarità della superficie stradale eliminando le vibrazioni e i contraccolpi sul volante. E’ stata chiusa dalla scorsa estate la fornitura di cambi manuali. Ora i veicoli vengono prodotti tutti con l’I-Shift – il cambio automatizzato più intelligente sul mercato – che per FMX e FH è stato sviluppato specificatamente per condizioni gravose ed abbinato ai primini. Il veicolo può quindi viaggiare a velocità comprese tra 0.5 e 2 km/h, rendendo decisamente più agevoli le manovre di precisione in caso di carichi pesanti. Non solo, l’I-Shift con primini agevola le partenze a veicolo fermo con una massa totale elevata e su forti pendenze, e combina in modo efficiente elevata capacità di spunta e rapporto finale più lungo, per una considerevole riduzione dei consumi.


Viene introdotto l’asse tandem sollevabile, la funzionalità rivoluzionaria di Volvo che disinnesta e solleva un asse di trazione, permettendo per es., ad un 6×2 di trasformarsi in un 4×2. Si tratta di una soluzione perfetta per operazioni di trasporto effettuate spesso con viaggi di andata o ritorno a scarico: quando è scarico il veicolo, l’asse tandem si solleva automaticamente e si riabbassa quando viene caricato di nuovo. Minor consumo di carburante (sino al 4% in meno se il camion è scarico), maggior comfort di guida a veicolo vuoto, minor usura degli pneumatici e più trazione quando occorre sono i vantaggi di questa esclusiva sul mercato!


E’ inoltre proposto il paraurti rinforzato anche per FH che da stradale diventa più “di cava” grazie a minor rischi di danni al veicolo e protezione dei fari. Un’altra novità è relativa alla possibilità di controllare il veicolo dall’esterno: il conducente tramite un Joy stick, direziona il truck su passaggi difficili, avendo visibilità a 360°. Con la guida da remoto, la sicurezza ha fatto un altro salto in avanti.


Sicurezza al top


Sia in ambienti cantieristici che per strada il focus sicurezza è sempre più importante. A maggior ragione poi, quando si ha a che fare con veicoli per applicazioni complesse. Relativamente a ciò il Volvo Dynamic Steering con controllo della corsia di marcia attivo, riduce il rischio di uscita fuori strada e allontanamento involontario dalla corsia, attraverso una leggera rotazione dello sterzo e una delicata vibrazione del volante che avvisano l’autista, e che viene aiutato a riportare il veicolo in carreggiata.


La tecnologia dello Stability Assist, (che prevede la collaborazione di Volvo Dynamic Steering con il controllo elettronico della stabilità del veicolo) consente di controsterzare il veicolo per ridargli direzionalità. Disponibile anche il Volvo Dynamic Steering con impostazioni personali per una guida più comoda e pratica.


L’automazione senza mani del veicolo è diventata realta!


 


 


 


Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Il viaggio continua dal 21 al 24 feb 2019

1,290
prezzo medio gasolio

Il Convegno a Ecomondo