BT SHOW - PT 3 - TRASPORTARE OGGI E INARRESTABILI

Scania Leader nel Trasporto Sostenibile

MAN TGE telaio cabina frigorifero LAMBERET

web-tv

Sei qui: Home > Sezione CONSTRUCTION > > JCB: un 2013 da grandi numeri

JCB: un 2013 da grandi numeri

Scritto da

Francesca Lugaresi

il 29 maggio 2014

JCB ha conseguito nel 2013 il terzo maggior risultato economico nei suoi 68 anni di storia. L’utile operativo lordo dell’esercizio è di 313 milioni di sterline (era di 365 milioni di sterline nel 2012) su un fatturato di 2,68 miliardi di sterline (2,70 miliardi nel 2012), per un totale di 66.227 macchine vendute (69.250 nel 2012).


Il Presidente JCB Lord Bamford ha così commentato i risultati: “Il mercato globale delle macchine per le costruzioni è stato decisamente impegnativo nel 2013, ma sono lieto del fatto che, nonostante le difficili condizioni di mercato, JCB abbia registrato eccellenti performance, ottenendo il terzo più alto profitto della sua storia. Il fatturato è rimasto praticamente invariato dal 2012 al 2013, ma il volume e gli utili sono stati penalizzati da un certo rallentamento nei mercati emergenti, in particolare in India, dove la presenza di JCB è particolarmente forte. Questa dinamica è stata ulteriormente accentuata da una serie di movimenti valutari negativi in alcune economie. La crescita del fatturato in Regno Unito, Medio Oriente e Africa nel corso del 2013 ha contribuito a compensare il calo di India, Europa ed Estremo Oriente”.


L’inizio del 2014 ha evidenziato segnali contraddittori. Alcuni mercati stanno registrando una crescita della domanda – soprattutto in aree fortemente sviluppate come Regno Unito e Nord America – che sta  compensando il rallentamento del mercato di economie più fragili come Asia, America Latina e Russia. La stessa incertezza politica determinata dalle elezioni in India e Brasile sta avendo un certo impatto sui mercati”.


Nonostante uno scenario mondiale controverso, JCB sta continuando a sviluppare i propri piani a lungo termine per aumentare il proprio potenziale produttivo a livello globale, in particolare grazie al nuovo insediamento produttivo dell’azienda a Jaipur, in India, operativo a partire da maggio.


Nel Regno Unito, JCB sta realizzando un progetto del valore di 150 milioni di sterline per ampliare le attività produttive in Staffordshire, con la creazione di ulteriori 2.500 posti di lavoro entro il 2018 grazie all’avvio entro la fine dell’anno di un nuovo stabilimento da 32.000 metri quadrati a Uttoxeter, dedicato alla produzione dei JCB Cab Systems. Un ulteriore stabilimento verrà realizzato a Cheadle, in Staffordshire.


L’impegno e la determinazione di JCB negli investimenti così come la fiducia nel proprio management permangono tali anche in mercati che stanno vivendo una congiuntura difficile come quello italiano. In questo senso, una conferma particolarmente significativa arriva dal CdA di JCB Italia, che ha confermato l’Ing. Claudio Fiorentini alla carica di Presidente, e ha nominato l’Ing. Domenico Matrone, già Direttore Generale della branch italiana, alla carica di Amministratore Delegato. Un chiaro segno del fatto che, anche nei momenti di difficoltà, JCB continua a considerare strategici mercati tradizionalmente importanti quale quello italiano e, soprattutto, il prezioso patrimonio rappresentato dalle risorse umane presenti nelle filiali di tutto il mondo.


Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Scopri il nuovo TGE. Non è un VAN, è un MAN.

1,290
prezzo medio gasolio

Il Convegno a Ecomondo