Mercedes Arocs CARICO IN CAVA - VR 360°

I test drive Peugeot al Transpotec

Fiat Professional Fullback 360° FULLSAFETY

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Associazioni > UNRAE: per il mercato dei Commerciali è previsto un +31% a fine anno

Associazioni

UNRAE: per il mercato dei Commerciali è previsto un +31% a fine anno

Scritto da

Federica Lugaresi

il 13 ottobre 2016

Le agevolazioni di natura fiscale sostengono il mercato dei commerciali: nei 9 mesi quasi raggiunto il livello dell’intero 2015. Sono previste almeno 175.000 unità a fine anno

 

Il rinnovo della Legge Sabatini, abbinato all’altra importante agevolazione di natura fiscale del superammortamento, continua a sostenere il mercato dei veicoli commerciali che, anche in settembre, segna un incremento del 47,6%”, afferma Massimo Nordio, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere.
Secondo quanto elaborato e diffuso oggi dal Centro Studi e Statistiche dell’Associazione, infatti, il mercato segna la 32^ crescita consecutiva ed i veicoli immatricolati in settembre (autocarri con ptt fino a 3,5t) sono stati 16.663 in aumento del 47,6% rispetto agli 11.289 dello stesso periodo 2015. Nei primi 9 mesi i veicoli venduti hanno toccato le 130.898 unità, raggiungendo con 3 mesi di anticipo circa il livello che il mercato ottenne nel complesso del 2015 (133.790 unità). La crescita del cumulato è pari al 40,7% rispetto alle 93.060 unità immatricolate nei primi 9 mesi 2015.
La nostra stima per l’intero 2016 – prosegue Nordio – indica un livello di immatricolazioni di almeno 175.000 unità, in crecita del 31% sul 2015. L’ultimo trimestre di quest’anno dovrebbe, infatti, ridurre il tasso di incremento, a causa dell’effetto confronto con lo stesso periodo dello scorso anno che iniziò a segnare una spinta molto più accelerata (+23,6%) rispetto ai primi 9 mesi, ma bilanciato da un’accelerazione degli acquisti per usufruire dell’aliquota piena del superammortamento, in scadenza a fine anno, se – come preannunciato – per il 2017 dovesse essere ridotta al 120%, generando un impatto negativo sugli investimenti nel settore per il prossimo anno”. “Chiediamo – pertanto – la conferma del provvedimento con l’aliquota al 140%”, conclude il Presidente.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Scopri le offerte dei Veicoli Commerciali Citroën

1,385
prezzo medio gasolio

Ancora più PerFormante