Mercedes Arocs CARICO IN CAVA - VR 360°

I test drive Peugeot al Transpotec

Fiat Professional Fullback 360° FULLSAFETY

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Ultim'ora > Logistics Performance Index 2016 retrocede l’Italia di una posizione

Ultim'ora

Logistics Performance Index 2016 retrocede l’Italia di una posizione

Scritto da

Federica Lugaresi

il 7 novembre 2016

L’Italia arretra al 21° posto a livello mondiale nella classifica della World Bank: criticabili i metodi di rilevazione dell’indice

Il settore della logistica e dei trasporti italiani, secondo i risultati del Logistics Performance Index 2016, negli ultimi due anni sembra aver fatto  un passo indietro: l’Italia infatti si trova oggi al 21°posto nella classifica, scendendo id un gradino rispetto al 2014.

Tale indice si basa su dei voti  (da un minimo di 1 a un massimo di 5) che vengono assegnati a fattori come procedure doganali, infrastrutture, spedizioni internazionali, qualità e competenza logistica, tracciamento digitale e puntualità delle spedizioni.

Rispetto al 2014 (l’indice è biennale) il sistema logistico italiano ha fatto segnare un lievissimo miglioramento sul fronte delle procedure doganali (valutazione passata da 3,36 a 3,45 e 27° posto al mondo) e delle capacità logistiche (dal 23° al 21° – da 3,62 a 3,77). Stabile invece la dotazione infrastrutturale (da 3,78 a 3,79; 19° al mondo), così come le spedizioni internazionali (17° posto; da 3,54 a 3,65) e il rispetto dei tempi nelle spedizioni (22° posto mondiale; da 4,05 a 4,03). Il nostro Paese perderebbe invece terreno sul fronte tecnologico poiché il punteggio raggiunto sul fronte “tracking & tracing”, seppure salito di pochissimo da 3,84 a 3,86, implica uno scivolamento dalla posizione 14 alla 20.
Ovviamente non mancano critiche arrivate da alcune associazioni, in merito alla discutibilità ed affidabilità delle rilevazioni.

Nereo Marcucci, presidente di Confetra, che ha dichiarato: “La retrocessione rispetto al 2014 fa a pugni sia con le opinioni da me ascoltate nelle assemblee annuali delle associazioni aderenti che hanno dato atto all’Agenzia delle Dogane di ulteriori miglioramenti, sia con fatti conclamati come la diffusione dello sdoganamento in mare e dello sportello unico. Credo che la Banca d’Italia abbia il dovere di rappresentare nuovamente alla Banca Mondiale forti perplessità circa l’efficienza degli indicatori e dei metodi di rilevazione che, come sappiamo, sono tutt’altro che rappresentativi di un campione statisticamente attendibile”.
Gli fa eco Giuseppe Pelleggi, direttore dell’Agenzia delle Dogane, che ha voluto dire la sua rilevando le incongruenze evidenti fra due studi della stessa Banca Mondiale e che sostiene: “Non si capisce com’è possibile che alla voce trading across boarder (commerci attraverso la frontiere, ndr) nel rapporto Doing Business l’Italia sia passata in un anno dal 37° al primo posto, mentre nel Logistics Performance Index, indice che non sappiamo come viene costruito, le Dogane vengono classificate al 27° posto. Mi pare che questa valutazione non rifletta la posizione della Dogana italiana nei confronti degli altri Paesi, sia comunitari che extracomunitari. Dovrebbero spiegarci com’è possibile che, nello stesso arco di tempo, in un indicatore l’Italia cresce e nell’altro rimane ferma”.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
1,385
prezzo medio gasolio

Ancora più PerFormante