Mercedes Arocs CARICO IN CAVA - VR 360°

I test drive Peugeot al Transpotec

Fiat Professional Fullback 360° FULLSAFETY

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Autotrasporto > Le proposte del Quaderno 24 presentato da FLC

Autotrasporto

Le proposte del Quaderno 24 presentato da FLC

Scritto da

Francesca Lugaresi

il 31 ottobre 2014

Mercoledì 29 ottobre è stato presentato il “Quaderno n. 24 sull’autotrasporto” del Freight Leaders Council, l’associazione che riunisce le principali aziende leader della filiera della logistica.
In questa occasione, sono anche stati consegnati i premi Lean and Green 2014.

Un testo unico dell’autotrasporto che, attraverso una legge delega, semplifichi la complessa normativa del settore; una riformulazione della norma sui costi modellata sull’esempio francese; un programma organico di controlli adeguatamente finanziato per contrastare criminalità, abusivismo, irregolarità; un ripensamento dei meccanismi di incentivazione pubblica da assegnare non più a pioggia e in modo non contestabile a livello europeo; l’istituzione di un contratto di logistica e dei relativi operatori. Queste le principali proposte avanzate dal Freight Leaders Council nel suo Quaderno 24, «Autotrasporto oggi: analisi delle criticità e proposte operative”, presentato a Roma, nell’aula Emiciclo del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale.

Il documento, illustrato dalla vice presidente del FLC, Clara Ricozzi, è frutto del contributo delle maggiori organizzazioni associative del settore, nonché della diretta collaborazione dei principali esponenti del Ministero. I suoi contenuti sono stati esaminati nel corso di un dibattito al quale hanno preso parte le rappresentanze dei vettori e dei committenti.

Il Quaderno avanza anche una serie di proposte più specifiche (come la limitazione della sub-lezione ad un solo passaggio, la tracciabilità dei pagamenti per contrastare le infiltrazioni della criminalità, la previsione di un modello «pubblico» di certificazione di qualità) e di azioni operative (come l’attuazione dei programmi ITS e la riconsiderazione dei criteri di compilazione del «calendario divieti»).

In conclusione lo studio presenta tre best practices che si muovono nella direzione indicata: il programma europeo Lean and Green che premia le aziende impegnate nella riduzione del CO2 del 20% in cinque anni, riducendo al tempo stesso i costi di gestione; il Programma Sicurezza Federtrasporti che attraverso formazione, esami psicofisici, monitoraggo dei veicoli ha fatto registrare un netto calo dei sinistri e dei relativi costi; la società Michelin Solutions che riduce i costi di gestione di pneumatici e i consumi di carburante e aumenta la produttività del parco rimorchi e semirimorchi.

Il Freight Leaders Council ha assegnato a InBev Italia e a Futura Entrerprise i premi Lean and Green 2014, per il programma di riduzione delle emissioni inquinanti, legato ad un contemporaneo abbattimento dei costi di gestione, al quale le due aziende si sono impegnate per il prossimo quinquennio.

Lean and Green è un premio, nato in Olanda nel 2007 e rappresentato in Italia da FLC, che viene assegnato alle imprese di produzione di beni o di trasporti e logistica che accettano un programma – basato su un piano d’azione scritto e validato e accompagnato da Indici di performance misurabili (ad esempio contenuti ed entità dei risparmi, base di partenza della misurazione e criteri di rilevamento ecc.) – per una riduzione delle emissioni di anidride carbonica almeno del 20% in cinque anni, abbassando  contemporaneamente i costi aziendali.

Il premio, diffuso oltre che in Olanda anche in Belgio e Germania, offre vantaggi diversi paese per paese, che vanno da un contributo pubblico per chi aderisce al programma, l’assegnazione di slot dedicati nei porti e negli interporti, fino all’esposizione in posizioni privilegiate dei prodotti con il bollino Lean and Green.

In Olanda al programma partecipano oltre 200 enti o aziende tra produttori (come Coca Cola, Heinz, Huntsman, SCA, Mars, Heineken, Bacardi), trasportatori (CEVA, TNT, DB Shenker, Kuehne & Nagel, DHL), enti locali (Rotterdam, Utrecht).

I PREMIATI 2014

Anheuser-Busch InBev è una società quotata in borsa con sede a Leuven, Belgio e quotazione secondaria (ADR) presso il New York Stock Exchange. AB InBev è produttore leader di birra a livello mondiale ed è una delle prime cinque aziende di beni di consumo al mondo e al primo posto nel settore delle bevande nella classifica «World’s Most Admired Company» della rivista Fortune. Nel 2013, AB InBev ha raggiunto un fatturato di 43,2 miliardi di dollari.
Anheuser-Busch InBev Italia ha sede a Gallarate (Varese) e attraverso i suoi 110 dipendenti vende e distribuisce un ampio portafoglio di marchi internazionali di birra premium in Italia, fra i quali Beck’s, Corona, Bud, Tennent’s Super, Stella Artois, Leffe, Hoegaarden, Spaten e Franziskaner.

Futura Enterprise svolge costantemente da oltre 50 anni attività di trasporto primario, logistica e distribuzione su tutto il territorio nazionale al servizio dei principali clienti/multinazionali a livello europeo. Grazie alle piattaforme logistiche, l’azienda è in grado di ottimizzare tutte le esigenze del cliente offrendo soluzioni diversificate, tempestive e flessibili. L’innovazione tecnologia, il controllo delle attività, l’alta specializzazione interna unita al desiderio del Gruppo di poter contribuire alla tutela dell’ambiente e quindi alla riduzione delle emissioni, ha spinto la Futura Enterprise a intraprendere con entusiasmo progetti mirati al raggiungimento degli obiettivi comuni ad altri grandi nomi Europei.

Nella precedente edizione, il premio Lean and Green era stato assegnato a CHEP Italia, Heinz Italia, Huntsman, IMCD Italia, Number 1 Logistics Group, SCA Hygiene Products, TNT Global Express Italy.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
1,385
prezzo medio gasolio

Ancora più PerFormante