Mercedes Arocs CARICO IN CAVA - VR 360°

I test drive Peugeot al Transpotec

Fiat Professional Fullback 360° FULLSAFETY

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Ultim'ora > L’autotrasporto si scalda

Ultim'ora

L’autotrasporto si scalda

Scritto da

Francesca Lugaresi

il 19 gennaio 2015

Sabato 17 gennaio si è riunito presso la CNA di Modena il Consiglio Nazionale della CNA-Fita. Alla Presidente Cinzia Franchini e stata rinnovata la fiducia per l’operato svolto e viene confermata, anche dal Consiglio, la linea intransigente da tenere sui temi caldi per l’autotrasporto. La presidente Franchini incassa così un ampio consenso sulle linee politiche da perseguire in previsione dell’incontro già fissato a Roma, per martedì 27 gennaio, con il sottosegretario ai trasporti Del Basso De Caro nel corso del quale ci si confronterà con le ultime novità normative di interesse per il settore contenute nella legge di Stabilita, nello Sblocca Italia e nel Milleproroghe.  Di fondamentale importanza sarà la ripartizione delle risorse economiche per il settore, 250 milioni di euro, con la riconferma delle spese non documentate, vitali per la sopravvivenza delle imprese artigiane. “Abbiamo dall’inizio sostenuto – ha commentato la presidente Franchini – che avremmo tirato le somme con lo spacchettamento dei contributi economici. Se qualcuno pensa di tagliare su questo capitolo di spesa, siamo pronti alla proclamazione del fermo nazionale”.

In queste stesse ore, da Trasportounito Fiap  giunge anche la notizia che dalle prime luci di questa mattina un presidio di autotrasporti, aderenti a Trasportounito, ha bloccato lo stabilimento Ilva di Novi Ligure, per protestare contro il mancato rispetto degli impegni assunti dalla gestione commissariale del gruppo siderurgico in merito al pagamento delle spettanze arretrate per i servizi di trasporto. E’ stato infatti disatteso totalmente l’accordo in base al quale sarebbero state saldate entro il 15 gennaio scorso le competenze sugli arretrati alle imprese di autotrasporto di Novi Ligure. Imprese che non percepiscono pagamenti  dall’aprile del 2014.
Alla manifestazione di protesta a Novi sta aderendo più del 70% delle aziende che lavorano per Ilva e che bloccano oggi sia le merci in entrata sia quelle in uscita.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
1,385
prezzo medio gasolio

Ancora più PerFormante