Mercedes Arocs CARICO IN CAVA - VR 360°

I test drive Peugeot al Transpotec

Fiat Professional Fullback 360° FULLSAFETY

web-tv

Sei qui: Home > Sezione NOTIZIARIO > Autotrasporto > Consorzio Lotras: l’autotrasporto e la mafia

Autotrasporto

Consorzio Lotras: l’autotrasporto e la mafia

Scritto da

Federica Lugaresi

il 12 gennaio 2016

Da sempre allineato con la CNA-FITA di Cinzia Franchini contro le infiltrazioni malavitose nel settore, il Consorzio agrigentino Lotras ha ricevuto un nuovo avvertimento di stampo mafioso.
Alcuni uomini infatti, nonostante la presenza di telecamere a circuito chiuso, hanno tentato di incendiare un semirimorchio frigo con del liquido infiammabile ed una bombola di gas.
Questo non è l’unico avvertimento indirizzato al Consorzio; il primo fu rivolto al direttore della struttura (che è anche presidente provinciale della CNA-Fita), Salvatore Puleri, nel 2013 quando il Lotras, seguendo la posizione dell’associazione nazionale, boicottò la realizzazione del fermo proclamato dai Forconi. Solo lo scorso 17 dicembre poi la presidente nazionale CNA-FITA, Cinzia Franchini, si è recata a Catania, per richiedere la costituire di parte civile dell’associazione nel processo “Caronte”, (udienza rinviata), contro quella che dagli inquirenti è stata definita “la cupola” dell’autotrasporto capeggiata dal boss Vincenzo Ercolano, reggente del clan Ercolano-Santapaola, noto come il re dell’orto-frutta e che, a quanto emerge dalle inchieste giudiziarie, ha nella gestione dei traffici delle merci potenti e importanti interessi economici così come “nell’indirizzare” i ricchi incentivi pubblici destinati agli autotrasportatori che utilizzano le autostrade del mare imbarcando i propri mezzi sulle navi (ecobonus). “E’ troppo presto per sapere se vi siano dirette correlazioni tra quanto accaduto e la nostra richiesta di costituzione di parte civile – afferma Cinzia Franchini, presidente nazionale – è però un dato di fatto ormai ricorrente quello che vede questa struttura territoriale e i suoi uomini minacciati là dove si schierano con il percorso che da tempo a livello nazionale abbiamo intrapreso nel contrastare le infiltrazioni malavitose. Si cerca di intimidire chi, in Sicilia, vuole operare senza alcun compromesso e condizionamento. Per questo chiedo a tutti quei soggetti, associazioni di rappresentanza, sindacati, enti locali, ecc. che credono ancora nella possibilità di uno sviluppo dell’economia legale e libera da vincoli di sorta di unirsi a me nella costituzione di parte civile. Un bel modo di praticare la legalità oltre che di predicarla, mettendoci la faccia”.

Condividi questo articolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Scopri le offerte dei Veicoli Commerciali Citroën

1,385
prezzo medio gasolio

Ancora più PerFormante